Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
14 aprile 2019

Formula 1, GP Cina. Leo Turrini: "Ferrari, sconfitta che brucia. Bisogna reagire a Baku"

print-icon

Il commento di Leo Turrini dopo la gara vinta da Hamilton e dominata dalle Mercedes in Cina: "Per la Ferrari nemmeno la consolazione del giro veloce. Bisogna essere realisti, rispetto alle altre due gare questa è la sconfitta che brucia di più dopo i miraggi in Bahrain. E molto si discuterà sulle strategie della Rossa" 

LA CRONACA DELLA GARA DI SHANGHAI

LE CLASSIFICHE DEL MONDIALE

LA SUPER DOMENICA DI MOTORI SU SKY 

Nemmeno la consolazione del giro veloce ci hanno lasciato. Vi rendete conto? Nel finale Gasly, mica Verstappen, ha sottratto a Vettel il punto del giro veloce. Però bisogna essere realisti, sono trascorsi tre Gran Premi con altrettante doppiette Mercedes e questa è la sicuramente la sconfitta che brucia di più perché venivamo dai “miraggi rossi” del deserto del Bahrain. Poi possiamo discutere, e lo si farà a lungo, delle strategie del muretto Ferrari, della preferenza data a Vettel su Lelcerc. Ma non ho nulla da obiettare in proposito, capisco il team principal Binotto che vuole privilegiare il “capitano” e pluricampione del mondo da cinque anni a Maranello. Eppure alla fine della fiera è stato un sacrificio doppio perché Leclerc poteva chiudere quarto con un atteggiamento diverso degli ingegneri e si è dovuto accontentare del quinto posto. Che dire? Se il Bahrain è stato davvero un miraggio, allora c'è da preoccuparsi, ma se invece è la Cina la distorsione della realtà dovremo scoprirlo subito, perché il tempo passa e tra due settimane a Baku speriamo di non doverci più consolare con una "svampata" ferrarista.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi