MotoGP, GP Giappone 2018. Aleix Espargaró fiducioso: "Motegi è adatta all'Aprilia"

MotoGp

Dopo l’ottimo risultato raggiunto dall’Aprilia la passata stagione a Motegi, Espargarò e Redding arrivano in Giappone fiduciosi delle potenzialità della loro RS-GP, pronti a raccogliere punti su un tracciato a loro favorevole

MARQUEZ CAMPIONE DEL MONDO

LA CLASSIFICA - IL CALENDARIO

Il Motomondiale si sposta in Giappone per la prima delle tre tappe della trasferta intercontinentale asiatico-australiana, con a seguire gli appuntamenti di Phillip Island e Sepang, che porteranno poi alla finale di Valencia. Si corre al Twin Ring Motegi, pista di proprietà di Honda ma che in passato ha visto la casa di Noale ben comportarsi in MotoGP.

Lo scorso anno l’appuntamento giapponese è stato favorevole all’Aprilia RS-GP anche grazie al feeling che Aleix Espargarò ha con il layout del tracciato. Nel 2017 lo spagnolo terminò tutte le sessioni di prova nella top 5, per poi concludere la gara in settima posizione la domenica. "Adoro tutto del Giappone: il Paese, i tifosi, il cibo e anche la pista di Motegi" dice Aleix. "Sono sempre stato competitivo su questo tracciato, è un layout dove contano molto le staccate e sia io sia la RS-GP abbiamo proprio nella frenata uno dei nostri punti forti".

Fiducia traspare anche dalle dichiarazioni pre-GP rilasciate da Scott Redding che si presenta in Giappone potendo contare finalmente su delle buone sensazioni emerse a Buriram dove ha concluso appena fuori dalla zona punti.  "Voglio partire qui a Motegi con lo stesso feeling che ho avuto nella gara in Thailandia. Troveremo condizioni diverse, temperature più basse e questo dovrebbe darci una mano. Vista la scorsa gara, l'obiettivo è partire qualche posizione più avanti per essere in grado di lottare nella zona punti con meno difficoltà".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche