Le 24 ore di Marini, ora il Sachsenring

MotoGp
Marini_og

Dopo la brutta botta rimediata sabato mattina, il pilota Sky VR46 è tornato in pista conquistando un terzo posto insperato. Adesso punta il GP di Germania, dove un anno fa si è aggiudicato il primo podio con i colori del Team

Assen, il ruggiro del 'Maro'

L’urlo liberatorio nel retro-podio sa di quasi impresa, specie per come è maturato il terzo posto di Assen e per quello che è successo il giorno prima. L’incidente del sabato mattina durante le FP3, ha procurato soltanto un grande spavento a Luca Marini. Eppure, rivedendo la caduta del pilota di Urbino c’era, eccome, da preoccuparsi. Soprattutto per chi viene da un’operazione alla spalla fatta e compiuta sette mesi fa. Una botta, sola una botta, l’impatto è stato forte ma si è subito rialzato, quasi a voler tranquillizzare tutti. Box in apprensione, moto distrutta e ‘Maro’ in piedi: sospiro di sollievo, dritto in clinica mobile per tutti gli accertamenti del caso. Non si sentiva al 100%, è tornato comunque in pista per girare in qualifica. Undicesimo tempo e, tra le righe, una voglia matta di fare una gara d’attacco, fin dalla prima curva. Così è stato, una rincorsa cominciata il giorno dopo il violento impatto sull’asfalto. Ha gestito sé stesso, tenendo un buon ritmo per tutta la gara e sfruttato gli errori di chi era davanti. Alla fine si è ritrovato lì a battagliare, così dopo l’incidente tra Marquez e Baldassari ha avuto la strada spianata verso il podio.

“Non me l’aspettavo”, dirà a caldo, se non altro per tutte quelle circostanze che ti dicono che, probabilmente, potrebbe non essere il tuo weekend. E invece, subito in sella, giù la visiera e un bel sorrisone sul podio. La gara esagerata di Marini è tutta qui, raccolta in una sequenza temporale brevissima, durante la quale i meccanici hanno ricostruito la moto da zero. Di fatto, il fratello di Valentino ha cambiato completamente marcia dopo i test di maggio a Barcellona, dando seguito al Mugello con un secondo posto da urlo. E’ il secondo podio nelle ultime tre gare. Non c’è tempo per riposare, avanti con l’ultimo appuntamento prima della sosta: domenica c’è il Sachsenring, l’anno scorso al GP di Germania è arrivato terzo, conquistando il primo podio con i colori del Team. E chissà, che non sia di buon auspicio.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.