MotoGP, le statistiche dopo il GP di Silverstone: Rins fa sei per sei

MotoGp

Michele Merlino

No, il pilota Suzuki non si è cimentato nelle tabelline, ma è il sesto vincitore diverso nelle ultime sei gare disputate a Silverstone in top-class, a conferma che le gare sul tracciato inglese sono sempre imprevedibili.

TEST MISANO: LA SECONDA GIORNATA LIVE

TUTTI I RISULTATI - CALENDARIO

La miglior Suzuki del secolo

Sono due le vittorie stagionali della Suzuki quest’anno: Austin e Silverstone, entrambe di Rins. Un bottino che può sembrare esiguo, ma per la marca giapponese rappresenta il miglior risultato in top-class dal 2000, l’ultimo anno del 20° secolo, quando ottennero 4 successi con Kenny Roberts Jr., che a fine anno si aggiudicò il mondiale. Da allora, e fino all’inizio di questa stagione, i successi erano stati tre (Gibernau a Valencia 2001; Vermeulen a Le Mans 2007 e Vinales sempre qui a Silverstone 3 anni fa). Per la Suzuki è la 93^ vittoria in top-class, a 48 anni e 11 giorni dal loro primo successo, a Dunrod, in quello che era denominato il GP dell’Ulster, vinto da Jack Findlay.

Solito bottino per Marquez

Per la seconda gara consecutiva Marquez perde all’ultima curva e si classifica secondo, ma il suo rendimento è sempre stellare. Nel weekend di Silverstone i traguardi più salienti sono stati l’88° podio in top-class, con il quale eguaglia Giacomo Agostini al 5° posto di tutti i tempi, la 60^ pole in 120 gare, per una perfetta media di una su due, ed un vantaggio di 78 punti su Dovizioso, il vantaggio più elevato in top-class alla 12^ gara dal 2014, quando lui stesso aveva 89 punti sul compagno di team Pedrosa. Marquez sta vincendo questo mondiale con la continuità: è alla sua 4^ pole consecutiva, al 9° podio consecutivo, si è sempre qualificato nei primi 4 ed ha sempre condotto tutte le gare corse finora per almeno un giro. Come dire: se non è primo, sicuramente è nei paraggi...

13 millesimi

Distacco ridottissimo, da fotofinish, tra Rins e Marquez: solo 13 millesimi li hanno separati al traguardo. Si tratta del gap più effimero da Estoril 2006, quando Rossi perse in volata da Toni Elias per 2 soli millesimi. Una gara amara per Rossi: quei 5 punti persi per due millesimi furono decisivi nell’assegnazione del titolo ad Hayden nella gara successiva a Valencia, nella quale Valentino cadde.

Conti tondi per Vinales

Maverick Vinales è riuscito a conquistare il terzo gradino del podio dopo aver passato Rossi al settimo giro: per lui è il 20° podio in top-class, con il quale eguaglia il nostro Marco Melandri al 32° posto di tutti i tempi, ed il 60° podio in tutte le classi.

70 all’ora di differenza

Il tempo con cui Marc Marquez ha ottenuto la sua 5^ pole a Silverstone (record del circuito), 1’58”168, equivale ad una media di 179,744 km/h. Si tratta di 70 km all’ora di differenza rispetto alle Formula 1, la cui pole qui quest’anno è stata messa a segno a 249,609 km/h, con un tempo di più di mezzo minuto inferiore, 1’25”093 (Valtteri Bottas, Mercedes).

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.