Superbike in Argentina: Bautista torna alla vittoria in Gara 1

MOTOGP

Edoardo Vercellesi

Bautista centra pole e vittoria a Villicum, Rea e Razgatlioglu completano il podio. Solo dodici i piloti sulla griglia: in sei (tra cui Melandri e Davies) scelgono di non correre per le condizioni della pista, giudicata pericolosa perché troppo calda e sporca

SUPERBIKE IN ARGENTINA: GUIDA TV

CLASSIFICHE - CALENDARIO

LO SPECIALE SUPERBIKE

La prima giornata di gare da Villicum ci ha consegnato una situazione al limite del surreale, complici le condizioni della pista particolarmente difficili. Dopo una FP3 regolare, infatti, le temperature dell’aria e quindi dell’asfalto sono schizzate alle stelle, rendendo molto scivoloso un tracciato già caratterizzato dal tanto sporco fuori traiettoria. I tempi in qualifica sono stati molto alti e incredibilmente quasi nessuno è riuscito a migliorare montando la gomma più morbida, tanto che Alvaro Bautista si è aggiudicato la superpole con un crono di 1’40”771, a 1”7 di ritardo dal riferimento dello scorso anno.

In prima fila anche Michael Van Der Mark e Jonathan Rea, non particolarmente a proprio agio in queste condizioni limite. Seconda fila per Toprak Razgatlioglu, Alex Lowes e Michael Ruben Rinaldi; terza per Chaz Davies, Alessandro Delbianco e Sandro Cortese. In decima posizione Marco Melandri, che prima di Gara 1 è stato tra i protagonisti di una sorta di "ammutinamento": il ravennate, insieme a Davies, Cortese, Laverty, Camier, Kiyonari, Torres e Haslam, ha reputato la pista troppo pericolosa per correre, per via dell’enorme mancanza di grip. Torres e Haslam, dopo i primi tentennamenti, hanno poi deciso di schierarsi.

Gara 1 è scattata dunque con solo dodici piloti al via, complice anche la defezione di Loriz Baz, infortunatosi a una mano cadendo in Superpole. I primi quattro dello schieramento hanno subito fatto la differenza, staccandosi dal resto del gruppo e conducendo una gara incerta e ricca di sbavature. Nelle ultime tornate Bautista ha fatto la differenza e ha preso margine, conquistando la sedicesima vittoria stagionale davanti a Rea e Razgatlioglu: il turco ha ricucito il gap che lo separava dal campione del mondo negli ultimi giri, salvo poi staccarsi nuovamente e lasciare il secondo posto al compagno di marca. Con questo podio, tuttavia, Razgatlioglu si laurea aritmeticamente campione tra i piloti appartenenti ai team cosiddetti indipendenti.

Van Der Mark ha presto salutato la compagnia staccandosi dai primi tre e chiudendo quarto, precedendo il compagno di squadra Lowes e Haslam. Settimo al traguardo è Sykes, mentre Torres chiude ottavo davanti a Mercado, Delbianco e Reiterberger. Ultimo al traguardo Rinaldi, staccato di tre giri dopo essersi fermato al box. Per la giornata di domenica sono previste temperature più basse di circa dieci gradi, che aiuterebbero piloti e moto a trovare un po’ più di grip e a scongiurare – si spera – situazioni difficili come quella odierna.

I più letti