Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Warriors che rimonta, Curry 29 anni, 29 punti

NBA

Golden State va vicinissima alla quarta sconfitta in fila finendo sotto di 16 punti contro Philadelphia. A salvarla il quarto quarto da protagonista di Steph Curry e un Draymond Green che firma la sua gara più completa della stagione per firmare il 106-104 Warriors

È il 29° compleanno di Steph Curry, che festeggia segnando 29 punti (25, 27 e 29 le ultime tre volte che è sceso in campo il giorno della sua festa) ma il vero protagonista della rimonta e della vittoria dei Golden State Warriors sui Philadelphia 76ers 106-104 è un Draymond Green tuttofare da 20 punti, 8 rimbalzi, 8 assist, 6 stoppate e 4 recuperi, cifre che nella NBA non si vedevano dal 2000 e da un'analoga prestazione di Chris Webber. È lui il principale motivo per cui gli Warriors – dopo essere finiti sotto anche di 16 punti sul finire del terzo periodo – riescono a evitare la quarta sconfitta consecutiva, che avrebbe avuto i contorni della vera e propria umiliazione. Philadelphia sfrutta un terzo quarto da 31 punti per mettere paura ai padroni di casa, trascinata dai 25 punti con 7 rimbalzi, 6 assist e 3 recuperi di un Dario Saric sempre più intenzionato a mettere in dubbio il titolo di Rookie dell’Anno del suo compagno Joel Embiid e ai 22, di cui 16 nel primo tempo, di Jahlil Okafor, ottimamente spalleggiato da Richaun Holmes (14 con 6/10 al tiro) in uscita dalla panchina. Golden State si aggrappa – oltre che a Green, protagonista di una decisiva stoppata nel finale – al solito Klay Thompson, autore di 28 punti con 5 triple a segno, in attesa che Steph Curry ritrovi finalmente la sua mano. 

Si accende Steph – Accade nel quarto quarto, quando il n°30 degli Warriors infila tre triple guidando il parziale di 19-2 con cui i vice-campioni NBA si assicurano la vittoria”. “Non lo chiamo uno slump – le parole del due volte MVP NBA, riferendosi al 26/89 da tre punti collezionato negli ultimi 8 incontri – perché farlo vorrebbe dire che ho perso un po’ di fiducia nel mio tiro, e non è così” [forse ispirato anche dai cori di "Happy Birthday" ricevuti dai suoi giovani fan asiatici nel prepartita, vedi video]. “Quello che mi piace di Steph è proprio questo: lui non smette di tirare quando il pallone non entra, perché non perde mai confidenza nelle sue capacità. È il segno dei campioni”. Parole di incoraggiamento arrivano anche dall’altro Splash Brother, Klay Thompson: “Presto esploderà con una partita da ricordare – prevede – e comunque è meglio che questi tiri li sbagli ora piuttosto che a maggio o a giugno”. 

Il ruolo della difesa – Per gli Warriors la rimonta contro i Sixers segna la quarta gara stagionale in cui gli uomini di Steph Curry vincono dopo essere stati sotto di 16 punti, uno svantaggio che ancora nel quarto quarto ammontava a 12 punti (solo l’ottava volta in tutto l’anno in cui dopo 36 minuti di gioco Green & Co. si sono ritrovati sotto in doppia cifra). A sistemare le cose ci ha pensato la difesa, capace di forzare 6 delle 23 palle perse dei Sixers nell’ultimo parziale di gioco, tenendo Philadelphia a 6/20 dal campo. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche