Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, show di Green, 32 di Durant: super Warriors

NBA

Ai Blazers non bastano 75 punti in due tra Damian Lillard (34) e C.J. McCollum per espugnare la Oracle Arena: Draymond Green guida in difesa gli Warriors, che hanno 32 punti da Kevin Durant e 29 da Steph Curry per la vittoria 121-109

Non è un mistero che la sfida tra Warriors e Blazers sia anche il duello tra alcune tra le guardie con più punti nelle mani di tutta la NBA. E quelle mani, in gara-1 del primo turno di playoff a Ovest, sono calde. Damian Lillard e C.J. McCollum segnano 12 punti a testa nel primo quarto, mandando a tabellone 24 dei 27 punti di squadra, insufficienti ad arrivare al primo break in vantaggio, perché Golden State segna 32 punti con il 50% dal campo e il 40% da tre punti, guidata a sua volta dagli 11 di Kevin Durant (su cui coach Terry Stotts manda in marcatura Noah Vonleh) e dai 10 di Steph Curry. Lo show balistico continua anche nella seconda frazione, dove McCollum (che chiude a quota 27 il primo tempo con 11/15 al tiro e 3/4 da tre) e Lillard (21 con due triple a segno e 7/7 ai liberi) riscrivono alcune pagine nei libri dei record, personali e di squadra. I 27 di McCollum pareggiano infatti il massimo nella storia dei Blazers in un tempo di gioco, mentre i 48 punti combinati (sui 56 della squadra) rappresentano il record in carriera per la coppia formata dal n°0 e dal n°3 di Portland.

Durant in attacco, Green in difesa: volano gli Warriors

Ciò nonostante il primo tempo finisce in perfetta parità (con 16 punti e 7 rimbalzi di Durant, più 13 di Curry) e lo stesso vale al termine del terzo quarto, con le squadre in equilibrio a quota 88 dopo dodici minuti segnati dai 14 punti di Steph Curry e da una prestazione a 360° di Draymond Green (compresa una stoppata da highlight su Noah Vonley). Sono loro a guidare un parziale di 10-0 Warriors che spinge i padroni di casa fino al +8 prima che lo show della coppia Lillard-McCollum rimetta punteggio e partita in parità (28 per il primo, 34 per il secondo prima del quarto decisivo). La spallata che sembra decisiva arriva però in apertura del quarto quarto: sale di livello in maniera spaventosa la difesa di Golden State – guidata da Green (4/16 i Blazers contro di lui) ma spalleggiato egregiamente da un quintetto con Andre Iguodala, Klay Thompson,  David West e Ian Clark – e così ecco arrivare il parziale di 15-2 che porta i californiani fino al 103-90, prima che una tripla di McCollum arresti l’emorragia. I Blazers ci credono ancora, tanto da arrivare fino al -6 prima che l’ennesima stoppata fenomenale di Green (stavolta su un Lillard deciso a schiacciare) faccia letteralmente scatenare Kevin Durant, che mette 6 punti in fila per riportare a +14 i suoi (113-99) a duecento secondi dalla fine. Le olive nel martini le mette ancora un Green da favola, che segna subendo fallo (e mostra convinto i muscoli ai tifosi della Oracle Arena) prima di chiudere la sua serata a quota 19 punti, cui aggiunge anche 12 rimbalzi, 9 assist, 5 stoppate e 3 recuperi, sfiorando così tanto la tripla doppia (a un assist soltanto di distanza) che una storica partita da 5x5 (gli sono mancati solo due recuperi). Per Portland resta a libri l'incredibile serata della coppia Lillard (34 punti con 12/26 al tiro)-McCollum (41 con 16/28 dal campo e 4/6 da tre, più 8 rimbalzi), che però non basta ad aver la meglio di un collettivo incredibile, capace di tirare oltre il 53% dal campo e il 40% da tre punti (11 triple a segno, 59-0 in stagione regolare quando mandano a bersaglio almeno 10 triple) e che può comunque contare su individualità eccezionali, come quelle di Durant (32 con 10 rimbalzi e 12/20 al tiro) e Curry (29 per lui). Golden State porta a casa la prima vittoria della serie, 121-109, in una serie che promette ancora moltissimo spettacolo. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche