Please select your default edition
Your default site has been set

NBA: no Durant, no problem! Golden State batte ancora Portland

NBA

I vice campioni NBA dominano il secondo episodio della serie contro i Blazers, nonostante le assenze. Gli ospiti restano in partita soltanto un tempo, prima di essere spazzati via dalla difesa degli Warriors

Clark-Jones-McAdoo-McCaw-Pachulia: questo il quintetto con cui Golden State gioca gli ultimi (inutili) minuti di partita alla Oracle Arena, a cui viene deputato l’annoso compito di portare a zero il cronometro limitando al minimo i danni. Mai come questa volta non poteva esserci notizia migliore per Steve Kerr e tutti i tifosi Warriors, allarmati prima della palla a due dall’assenza a scopo precauzionale di Kevin Durant, alla quale si erano poi aggiunte anche quella di Matt Barnes e Shaun Livingston: “Siamo corti”, aveva chiosato l’allenatore di Golden State pochi istanti prima del match, declinando le richieste dei cronisti: “Ovviamente ho già deciso chi scenderà sul parquet al posto di Durant, ma non vengo certo a dirlo a voi”. Alla fine la scelta è caduta su un convincente Patrick McCaw da 9 punti, 5 rimbalzi e soprattutto +27 di plus/minus in 35 minuti. Sì, un dato di squadra che tende ad andare su ogni volta che condividi la tua permanenza in campo con i vari Curry, Thompson e Green. Soprattutto con il terzo, asceta della tripla doppia e in grado di rinunciare al riconoscimento numerico perché non interessato a mettere punti a referto: la sua partita ancora una volta è un saggio di perfezione difensiva e applicazione unico nel suo genere. Alla sirena sono 12 rimbalzi, 10 assist e soltanto 6 punti, anche perché i numeri sono davvero l’ultima cosa da leggere per valutare le prestazioni del numero 23.

Portland, niente è come la prima volta

Una sfida anomala, in cui a giocare da protagonisti sono i nomi che non ti aspetti. È sorprendente infatti leggere che i migliori marcatori a fine primo tempo sono Maurice Harkless da una parte (15) e JaVale McGee dall’altra, indiscussa chiave in un match in cui gli bastano 13 minuti per segnare 15 punti e sostanzialmente mandare a gambe all’aria il piano partita difensivo di coach Stotts, il quale non ha evidentemente a disposizione un corpo da utilizzare per rendere complicata la vita al lungo degli Warriors. I Blazers quindi provano a riproporre lo stesso copione di gara-1, ma il finale stavolta è più stonato del solito e soprattutto la benzina finisce prima del previsto: la tripla di Evan Turner a meno di quattro minuti dalla fine del primo tempo infatti è l’ultimo lampo degli ospiti, ritornati con quel canestro a un solo punto di distanza e mai più in grado nel corso del match di riavvicinare così tanto i vice campioni NBA. Già, perché Golden State veleggia senza troppo affanno oltre la doppia cifra di margine e quando i Blazers provano ad affidarsi al talento di Lillard e McCollum, il risultato è molto diverso da quello di gara-1: alla sirena sono 12 punti per il primo e 11 per l’altro, che  tirano con un pessimo 9/34 combinato, frutto del lavoro straordinario della difesa degli Warriors. Golden State infatti dopo aver concesso 11 tiri aperti e 43 contestati nel primo episodio al backcourt di Portland, ne ha limitato l’impatto lasciando ai due 33 tiri contestati e uno solo aperto, togliendo sostanzialmente ossigeno a un attacco che non ha altre prese d’aria dalle quali approvvigionarsi. 

La difesa basta e avanza

Così, in una serata in pieno controllo, ci si può anche accontentare di uno Steph Curry spuntato da 19 punti con 6/18 dal campo o di un Klay Thompson da 16 con 6/17. La mira e la precisione possono anche non servire quando sigilli il tuo canestro e concedi il 33.3% al tiro ai tuoi avversari, il 20% dall’arco e soli 12 punti nel terzo e decisivo periodo (mai così pochi per Portland in un’intera frazione quest’anno). Gli Warriors quindi possono tenere in campo i big per soli 30 minuti, portando a casa l’undicesima vittoria consecutiva casalinga contro la squadra dell'Oregon: alla fine il tabellone recita 110-81, la prima sconfitta ai playoff dei Blazers oltre i 25 punti negli ultimi sette anni. La paura per Lillard e compagni è che potrebbe non essere l’ultima in questa stagione.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche