Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Finals, Golden State Warriors campioni 2016-17, Kevin Durant MVP

NBA

Dario Vismara

Golden State batte Cleveland 129-120 in gara-5 e conquista il quinto titolo della sua storia, il secondo negli ultimi tre anni. Kevin Durant nominato MVP delle Finals dopo i 39 punti decisivi per conquistare il primo anello della sua carriera. LeBron James lascia con l'onore delle armi: 41 punti, 13 rimbalzi e 8 assist per lui nella sconfitta

Allo scoccare dell’ultima sirena della stagione 2016-17, rimane una sola grande verità: ha vinto la squadra più forte di questa annata e dell’ultimo triennio di basket NBA. Dopo il titolo del 2015 e la finale persa a gara-7 lo scorso anno, i Golden State Warriors conquistano il secondo anello in tre anni, il quinto della loro storia dopo quelli del 1947, 1956 e 1975, vincendo 129-120 una selvaggia gara-5 contro i Cleveland Cavaliers. È il secondo titolo per questo gruppo storico, ma soprattutto il primo per l’MVP di queste Finals 2017, Kevin Durant: 39 i punti per lui con 14/20 al tiro, 5/8 da tre punti, 6/6 ai liberi, 7 rimbalzi, 5 assist e una serie di canestri veramente tramortenti per il morale dei Cavs, prima ancora che per il punteggio. Ad accompagnarlo nella conquista del primo, agognato anello della carriera anche i 34 punti di Steph Curry, non in grande serata dall’arco (2/9) ma eccellente nell’attaccare il ferro (12/15 ai liberi) e nelle piccole cose, dai 6 rimbalzi e i 3 recuperi ai 10 assist che hanno apparecchiato la tavola per tutti gli altri. Draymond Green e Klay Thompson non ne hanno approfittato, chiudendo con 7/23 combinato al tiro per 21 punti, ma hanno difeso come sempre fino alla morte e, in una serata trionfale per Golden State, è stata anche la panchina a dare un enorme contributo alla squadra, guidati dai 20 punti di Andre Iguodala (monumentale anche in difesa e +18 di plus-minus, pari con Green come top di squadra) ed altri 15 dei vari Livingston, McCaw e West. È anche il secondo titolo per coach Steve Kerr, che ha sofferto le pene dell’inferno dopo i tantissimi problemi alla schiena che lo hanno costretto a lasciare la panchina degli Warriors per ben 11 partite in questi playoff, pareggiando il minor numero di sconfitte di sempre: 16 vittorie, una sola sconfitta.

L’onore delle armi dei Cavs

Non c’è alcun disonore nella sconfitta dei Cleveland Cavaliers: partiti meglio a inizio gara fino a chiudere in vantaggio il primo quarto 37 a 33, con una schiacciata spettacolare di LeBron James sulla testa di Durant (con terzo fallo non fischiato a KD) si erano spinti al massimo vantaggio sul +8 a inizio secondo quarto, mettendo alle corde gli Warriors. Nel momento più difficile di tutta la stagione, gli Warriors hanno risposto da campioni, realizzando un parziale mostruoso di 21-2 propiziato dalla solita coppia Durant & Curry, andando anche a +16 nel delirio della Oracle Arena. Il grande merito dei Cavs sta nel non essersi lasciati andare dopo dei colpi del genere: con due triple di J.R. Smith (monumentale con 25 punti, 9/11 al tiro e 7/8 da tre punti) hanno chiuso il primo tempo solo a -11, mentre poi cavalcando James e Kyrie Irving hanno vinto la terza frazione 33 a 27, riportando lo svantaggio a soli 5 punti grazie all’energia di Tristan Thompson (15 punti e 8 rimbalzi). È in quel momento che ai Cavs sono mancate un po’ di forze e soprattutto l’apporto della panchina, che ha chiuso con soli 7 punti (4 di Richard Jefferson e 3 di Kyle Korver) e 2/9 dal campo — comunque meglio di un Kevin Love invisibile in attacco, tenuto a soli 6 punti con 2/8 al tiro pur con 10 rimbalzi e il peggior plus-minus di squadra (-21). In una serata in cui Irving ha dovuto giocare su un ginocchio malconcio (motivo del suo 9/22 dal campo) ma ha comunque finito con 26 punti, rimane solo da spendere qualche parola sulla prestazione di assoluta eccellenza di LeBron James: 41 punti, 13 rimbalzi, 8 assist, 2 recuperi e una stoppata con 19/30 dal campo e 2/5 da tre, riposando solamente un minuto e 37 secondi in tutta la partita. Davanti a uno sforzo del genere (primo giocatore di sempre in tripla doppia di media alle Finals), non c’è record di 3 vittorie e 5 sconfitte alle Finals che regga: semplicemente, quest’anno si è ritrovato davanti una delle migliori squadre di sempre che dopo la sconfitta dello scorso anno ha potuto aggiungere un MVP alle sue fila. E non c’è niente che possa rimproverarsi nel perdere contro una squadra come questi Golden State Warriors.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche