NBA, Klay Thompson cuore d'oro: donerà 1000 $ per ogni punto segnato

NBA

Il giocatore degli Warriors dimostra di essere una volta di più un campione anche di solidarietà, grazie all'iniziativa benefica in favore delle vittime degli incendi in California. Adesso, per mantenere la parola data, toccherà fare canestro il più spesso possibile

Ci sono tanti modi per diventare campioni. Klay Thompson ha imparato molto bene in campo cosa fare per massimizzare la sua utilità all’interno di un contesto cestistico perfetto come quello dei Golden State Warriors. Essere campioni però, vuol dire anche dimostrarsi tali una volta che si è riposta la maglietta di gioco nel cesto dei panni sporchi a fine partita e il figlio di Mychal ha dimostrato più volte di saperlo essere anche lontano dal parquet.  L’ultima iniziativa benefica del numero 11 quindi non fa altro che proseguire in questa direzione già intrapresa da tempo: il giocatore degli Warriors infatti ha comunicato attraverso un video pubblicato sui suoi social network che al termine delle prossime tre partite casalinghe disputate dai Golden State Warriors (contro i Raptors il 25 ottobre, gli Washington Wizards il 27 e i Detroit Pistons il 29) donerà 1000 dollari per ogni punto segnato per aiutare le vittime dei roghi che nelle ultime settimane hanno devastato la California. Una vera e propria maratona di beneficenza, rivolta soprattutto a coinvolgere i tanti tifosi e appassionati della squadra di San Francisco: se Steve Kerr chiamerà più spesso l’uscita dai blocchi sul lato debole di Klay Thompson, bisognerà fare il tifo affinché quella palla entri. Per una volta la principale arma in attacco dei campioni NBA sarà lui; dovesse funzionare magari potrà cambiare le gerarchie anche in futuro. Anche organizzando altre maratone di beneficenza.

I più letti