NBA, da +19 a -20, crollo Spurs: contro gli Warriors quarta sconfitta in fila

NBA

Con Thompson (27), Durant (24) e Curry (21) tutti oltre i venti punti, Golden State infligge a San Antonio la quarta sconfitta consecutiva dopo le quattro vittorie al via stagionale. Coach Popovich espulso. Per gli Warriors quinta vittoria nelle ultime sei

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

San Antonio Spurs-Golden State Warriors 92-112

TABELLINO

Per una volta i San Antonio Spurs entrano nella storia dalla parte sbagliata. Dopo aver vinto le prime quattro gare stagionali, infatti, i nero-argento infilano la quarta sconfitta di fila subendo sul loro campo di casa un pesante 92-112 dai Golden State Warriors. Si tratta solo delle terza volta negli ultimi 30 anni che una squadra fa seguire uno 0-4 a un 4-0 iniziale (gli Hawks in entrambi i precedenti casi, nel 2008-09 e nel 2010-11). Partita strana quella dell’AT&T Center, la prima dalle sfide di finale di conference dello scorso anno, segnate dall’infortunio a Kawhi Leonard (e infatti Zaza Pachulia, considerato dai tifosi Spurs responsabile dello stesso infortunio, viene sonoramente fischiato a ogni possesso). San Antonio parte fortissimo, mettendo a segno 6 triple nel primo quarto e portandosi fino al +19 (31-12): “Se si escludono i playoff, contro di loro andiamo sempre sotto di 20 in apertura, sarà successo tutte le ultime quattro o cinque volte”, si lamenta coach Steve Kerr. La difesa però riporta in partita i campioni in carica nel secondo quarto, chiuso con 7/21al tiro dagli Spurs e al secondo minuto del terzo periodo arriva il primo sorpasso Warriors, sul 60-57, con una tripla di Kevin Durant (che aveva sbagliato gli otto tiri con cui ha iniziato la gara). Tutto il secondo tempo è un assolo dei californiani, che dopo l’intervallo dominano i padroni di casa (62-37 il parziale dei secondi ventiquattro minuti) e veleggiano verso una comoda vittoria con i loro “Big Three” tutti sopra i 20 punti (27 per Klay Thompson con 5/8 da tre punti, 24 e 8 rimbalzi per Kevin Durant, 21 e altrettanti rimbalzi per Steph Curry). Gli Warriors sfiorano il 52% dal campo e hanno un ottimo 50% (14/28) dall’arco, distribuendo i consueti 30 assist.

Popovich espulso

Un secondo tempo, quello dei texani, che lascia tutt’altro che soddisfatto coach Popovich, che con meno di 5 minuti sul cronometro viene espulso a seguito di una veemente protesta per una violazione di passi a suo avviso non fischiata su Patrick McCaw. Un’insoddisfazione generata dal fatto che per la prima volta sotto il suo regno in panchina, gli Spurs perdono in casa di 15 o più punti una gara condotta con lo stesso margine. A parziale scusante, ovviamente, gli infortuni in casa nero-argento, ancora senza Tony Parker e soprattutto Kawhi Leonard (“Potrebbe rientrare tra 3 settimane — ha fatto sapere Popovich, per poi aggiungere — ma non vorrete mica credere a quello che dicono i media, vero?”). Nonostante la sconfitta, parole al miele dell’allenatore di San Antonio per LaMarcus Aldridge, il migliore dei suoi con 24 punti e 10 rimbalzi. “Magnifico oggi e magnifico in ogni partita fin qui disputata. La sua perseveranza, la sua voglia di lottare, la sua concentrazione sono sempre stata a un livello altissimo, finora. Ha fatto un gran lavoro”. Non è bastato però per battere Golden State, nonostante i 16 punti di Kyle Anderson e gli 11 di Pau Gasol.

I più letti