Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Vince Carter, 24 punti a 40 anni: i Cavs crollano a Sacramento

NBA

Il 40enne dei Kings ha realizzato il suo massimo stagionale da 24 punti, regalandosi una serata magica ai danni dei vice-campioni NBA guidando una panchina da 68 punti. Ai Cavs, apparsi svogliati e distratti, non basta la settima tripla doppia stagionale di LeBron James.

IL TABELLINO

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

La NBA è una lega speciale perché ogni singola notte può succedere qualcosa di inatteso. Ad esempio, può succedere che un 40enne riporti indietro le lancette dell’orologio e domini i vice-campioni in carica quasi da solo. Il volto di copertina del successo dei Sacramento Kings sui Cleveland Cavaliers non può che essere quello di Vince Carter, che a 40 anni suonati ha realizzato una prestazione da 24 punti in 30 minuti grazie a un incredibile 10/12 al tiro e 4/5 da tre, vincendo tanto la partita quanto lo scontro con un LeBron James fermo a 16 punti (prima volta che Carter segna più di James dal 14 dicembre 2007, quando giocava per i New Jersey Nets). Il Re ha aggiunto 14 assist e 10 rimbalzi alla sua 62^ tripla doppia in carriera, ma con solo 6/17 al tiro non è riuscito a trascinarsi dietro una squadra apparsa svogliata e inconsistente dopo aver passato il Natale lontano da casa. I Cavs però non hanno nemmeno la scusa della stanchezza, avendo alle spalle due notti piene a Sacramento mentre i Kings erano rientrati solo a mezzanotte passata da Los Angeles, dove peraltro avevano perso malamente contro la panchina dei Clippers concedendole 72 punti. Proprio lo scontro tra le panchine è stata la storia della partita: guidate da Carter, le riserve dei Kings hanno realizzato ben 68 punti contro i 32 di quella dei Cavs, con Willie Cauley-Stein da 17 e Bojan Bogdanovic da 16 con 8 assist. Gli spostamenti di Cauley-Stein e di Buddy Hield in panchina a favore di Frank Mason III e Malachi Richardson in quintetto ha permesso a Dave Joerger di gestire meglio le energie con la propria rotazione, poi a tutto il resto ci ha pensato Carter. Al rientro dopo tre partite saltate, il 40enne prima ha segnato il buzzer-beater dall’angolo per mandare i suoi avanti di 5 a fine terzo quarto, quindi ha ispirato un parziale di 9-0 per aprire l’ultima frazione, infine ha realizzato un’altra tripla per il +14 a 5:38 dalla fine tra il tripudio del Golden1 Center, che in questa stagione non lo aveva mai visto segnare più di 8 punti. Una serata di grazia per ricordarci, ancora una volta, che grande giocatore è stato.

Difesa inesistente e stanchezza post-natalizia per i Cavs

Cleveland non è nuova a prestazioni deludenti dopo la partita di Natale: come fatto notare su Twitter anche dall’ex GM David Griffin, le partite del 25 dicembre possono essere prosciuganti dal punto di vista emotivo: nelle ultime due stagioni James e soci hanno subito un -29 a Portland e un -16 a Detroit. Ad accompagnare la settima tripla doppia stagionale di James ci sono stati i 23 punti di Kevin Love e i 15 di J.R. Smith, ma nessun altro membro dei Cavs è riuscito a toccare la doppia cifra e soprattutto la panchina — a lungo una delle migliori della lega — sembra essere ripiombata nel baratro nelle ultime gare. Cleveland è alla seconda sconfitta consecutiva, una cosa che non succedeva dalle quattro gare perse a cavallo di ottobre e novembre, ma soprattutto è crollata dal punto di vista difensivo, mostrando la mancanza di attenzione e di interesse che aveva contraddistinto l’inizio di stagione da 5 vittorie e 7 sconfitte. Non è normale concedere 120 punti su 100 possessi ad un attacco — quello dei Kings — che su base stagionale è penultimo a quota 99, peraltro con il Net Rating di gran lunga peggiore di tutta la lega (quasi 3 punti peggio dei Chicago Bulls). Ma questa è la NBA, dove può succedere sempre qualcosa di inaspettato: i Cavs sperano che sia solamente un passo falso dovuto alla distrazione di una lunga trasferta a ovest, che domani li vedrà impegnati in un giro di vini nella Napa Valley prima di volare a Salt Lake City per affrontare gli Utah Jazz sabato — su un campo storicamente ostico per LeBron James.

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.