Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Warriors in rimonta, la decide Kevin Durant, tripla doppia per Draymond Green

NBA

Pazzesco quarto quarto di Kevin Durant, che segna 14 punti consecutivi e chiude a quota 37, con anche 11 rimbalzi e 4 stoppate. In assenza di Curry – fuori già dopo due minuti per una distorsione alla caviglia – al resto ci pensa Draymond Green con la 22^ tripla doppia della sua carriera. Settima vittoria in fila Warriors

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Golden State Warriors-San Antonio Spurs 110-107

TABELLINO

Anche in una serata in cui i Golden State Warriors devono rinunciare a Steph Curry (la cui caviglia si gira male al termine di una penetrazione costringendolo a lasciare la gara dopo soli 2:23 del primo quarto), Kevin Durant e Draymond Green dimostrano di poter comunque portare a termine il lavoro, anche contro una squadra sicuramente in difficoltà come i San Antonio Spurs (che perdono la nona gara delle ultime 12 disputate) ma sempre difficile da battere. La prestazione dell’MVP delle ultime finali nel quarto quarto – iniziato dagli Warriors a -9, dopo aver subìto un parziale di 9-0 negli ultimi 65 secondi del terzo quarto, per il massimo vantaggio di serata Spurs – è leggendaria. Steve Kerr gli mette la palla in mano quasi a ogni possesso e Durant risponde segnando 14 punti consecutivi per la sua squadra, dal 95-91 San Antonio fino alla parità sul 105-105. A portare davanti Golden State ci pensa un rimbalzo offensivo e un canestro di Draymond Green, con cui il n°23 dei padroni di casa sigla la sua 22^ tripla doppia di carriera (chiuderà con 11 punti, 12 rimbalzi e 10 assist), risultato sempre coinciso con altrettante vittorie della sua squadra. Solo Magic Johnson può vantare una striscia di triple doppie abbinate a vittorie finali più lunga di quella dell’ala degli Warriors, a quota 24. È  proprio però un inutile fallo di Green su un disperato tiro da tre punti di LaMarcus Aldridge nel finale di partita a regalare attimi di suspense supplementari alla gara: l’ala degli Spurs va in lunetta per tre liberi ma ne realizza solo due, lasciando gli ospiti a due punti di distacco. Durant in lunetta però fa solo 1/2 e con 2.3 secondi sul cronometro coach Popovich può disegnare un ultimo schema per la tripla del possibile pareggio. Che sulla sirena si prende, completamente smarcato, Bryn Forbes, la cui conclusione è però corta sul primo ferro. Golden State centra così la settima vittoria in fila e la decima nelle ultime undici, restando a una sola sconfitta di distanza dagli Houston Rockets, leader della Western Conference e titolari del miglior record NBA. 

Nessuno come Kevin Durant

Kevin Durant chiude una gara da MVP con 37 punti e 14/27 al tiro (4/7 da tre), 11 rimbalzi, 4 assist e 4 stoppate ma i padroni di casa hanno anche 13 punti a testa da Klay Thompson (con 5/16 al tiro ma un ottimo +19 di plus/minus, miglior dato di squadra) e JaVale McGee e 12 da Nick Young dalla panchina. Shaun Livingston, chiamato a giocare più minuti dopo l’uscita di Curry, non va troppo lontano da una tripla doppia, chiudendo con 9 punti, 7 assist e 7 rimbalzi. Per gli Spurs invece, senza Pau Gasol per l’infortunio alla spalla riportato contro Memphis, non serve a nulla la grande prestazione di LaMarcus Aldridge, autore di 30 punti con 17 rimbalzi e 11/20 al tiro. Doppia doppia anche per Kyle Anderson, che aggiunge 11 rimbalzi a 12 punti, e gara molto positiva anche per Dejounte Murray, che chiude con 14, 6 assist e 5 rimbalzi, ma la squadra di coach Popovich tira solo 6/22 da tre punti e non riesce ad approfittare delle tante assenze in casa Warriors (oltre all’infortunio di Curry, fuori anche Andre Iguodala, David West e Jordan Bell). San Antonio si mantiene per il momento al quinto posto della Western Conference ma conta soltanto una sconfitta in meno (e una vittoria in meno) di Minnesota e Oklahoma City, che la inseguono da vicino.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche