Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Sundays: la decide Karl-Anthony Towns nel finale: Warriors battuti dai T'Wolves

NBA

Niente Jimmy Butler da una parte, niente Steph Curry dall'altra, e allora la sfida del Target Center diventa prevedibilmente quella tra Karl-Anthony Towns e Kevin Durant: i 31 del primo con 16 rimbalzi sono fondamentali nella vittoria dei T'Wolves, non servono i 39&12 dell'MVP delle ultime finali NBA.

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Minnesota Timberwolves-Golden State Warriors 109-103

IL TABELLINO

Primo tempo

Minnesota parte forte contro i campioni NBA in carica e in assenza di Jimmy Butler sono le altre due stelle di coach Thibodeau a recitare da protagonisti: ci sono 9 punti con 4/5 al tiro per Andrew Wiggins e 7 di Karl-Anthony Towns, ma sono tutti i Timberwolves che segnano con facilità per tutti i primi dodici minuti (il 65.2% dal campo di squadra con anche 3/5 da tre). C’è spazio anche per il primo canestro in maglia Minnesota di Derrick Rose, che scivola e perde il primo pallone che tocca, ma va a bersaglio di opportunismo sul secondo. Golden State non sembra neppure la squadra che tutta la NBA è abituata a vedere: pessime percentuali al tiro (sotto il 41% dal campo), arrendevoli in difesa, deboli sotto canestro (20-10 i punti nel pitturato per i T’Wolves). Si chiude così sul +10 per i padroni di casa la prima frazione, sul 34-24.

Come spesso accade, basta poco però agli uomini di Steve Kerr per accedersi e invertire la direzione della gara. A suonar la carica per i californiani è il solito Kevin Durant: agli 11 punti del primo quarto, ne aggiunge altri 8 e sono quindi 19 all’intervallo lungo, pur se non con percentuali sopraffine (5/13, specchio di un attacco che, senza Steph Curry, spesso e volentieri affida a lui palloni e destini offensivi). Le percentuali invece sono clamorose per Zaza Pachulia, che chiude il primo tempo con 5/5 dal campo aggiungendoci anche 6 rimbalzi, uno dei tanti panchinari utili nella rimonta dei padroni di casa. Il parziale del secondo quarto, anche grazie ai 12 punti complessivi di Klay Thompson, è un netto 38-21 con cui gli Warriors ribaltano le sorti del match e vanno al riposo sul +7, 62-55.

Secondo tempo

Minnesota però non molla, perché in casa – e approfittando delle assenze degli Warriors  (oltre a Curry anche Jordan Bell, Andre Iguodala e David West non sono della partita) – i Timberwolves vogliono giocarsela fino in fondo. Se servono dei punti per rimontare lo svantaggio, ecco Jamal Crawford uscire dalla panchina con 4 punti in successione sfruttando l'accoppiamento contro Nick Young e in generale la panchina è funzionale alla rimonta degli uomini di coach Thibodeau (oltre ai soliti Wiggins e Towns, titolari rispettivamente di 22 e 17 punti prima degli ultimi dodici minuti). Con il 9-0 di parziale – da sotto 67-72 fino al vantaggio al 76-72 –, Minnesota mette paura agli Warriors che pero riescono ad andare all’ultimo riposo di giornata in perfetta parità, 84-84. Minnesota piazza un 4-0 per iniziare l’ultimo quarto e in generale appare meno stanca degli Warriors, che vedono tanti dei loro tiri fermarsi sul primo ferro e subiscono un allungo degli ospiti che si presentano al rush finale degli ultimi 5 minuti di gioco con una manciata di punti in dote. La gara quando si decide diventa una sfida quasi esclusiva tra i due giocatori di maggior classe sul parquet: Kevin Durant da una parte e Karl-Anthony Towns dall’altra. Ai canestri dell’uno rispondono i movimenti vicino a canestro in agilità del secondo, che mantengono i T’Wolves sempre uno o due possessi avanti. Ed è proprio l’ex Kentucky alla fine a risultare decisivo: dal 96-92 per i suoi segna 11 degli ultimi 13 punti della propria squadra fino al 109-103 conclusivo, chiudendo la gara a quota 31 con 16 rimbalzi. “Avevamo bisogno di questa vittoria – dice a fine gara – importante soprattutto in vista dei playoff. Il senso di urgenza c’era fin dalla palla a due, è andata bene ma ora dobbiamo già pensare alla prossima”. Per Golden State arriva la seconda sconfitta consecutiva dopo quella sul campo di Portland: non bastano i 39 punti di Kevin Durant, che arrivano con 32 tiri (solo 11 a segno) e 5/12 da tre punti, i 21 di Klay Thompson (anche lui solo con 8/22 dal campo) e i 16 con 11 rimbalzi (e 7/9 al tiro) di Zaza Pachulia. Chiudono invece a 23 Andrew Wiggins e a 12 Jamal Crawford dalla panchina, terzo marcatore di serata dei suoi.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche