Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, doppio suicidio per Heat e Bucks, in lotta a Est: Durant guida gli Warriors sui Lakers

NBA

Settimi (i Bucks) e ottava (gli Heat) a Est, sia Milwaukee che Miami perdono contro Magic e Kings occasioni importanti per migliorare la propria posizione in vista dei playoff. Pur senza Curry, Thompson e Green, Golden State batte i Lakers con 26 punti di Kevin Durant

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Sacramento Kings-Miami Heat 123-119 OT

TABELLINO

Miami è sotto di 16 all’inizio del quarto quarto, insegue ancora sul 104-91 ma poi si affida a un Goran Dragic scatenato per rientrare in partita. La point guard slovena segna 11 punti consecutivi (finirà con il suo massimo stagionale a quota 33) per guidare la disperata rimonta degli Heat, che piazzano un parziale di 19-2 che li porta sul 110-106 a pochi secondi dalla fine. Una tripla di Buddy Hield e una persa di Miami rovinano però la rimonta  e quando De’Aaron Fox si inventa il canestro della parità da rimessa proprio sulla sirena per decidere la sfida del Golden 1 Center ci vogliono cinque minuti supplementari. Che vedono la firma di un veteranissimo, Zach Randolph: suoi i primi tre punti dell’overtime e sua anche una stoppata decisiva a 79 secondi dalla fine su Justise Winslow. Miami – ottava a Est, con Milwaukee nel mirino al settimo posto – perde così una gara che aveva quasi riacciuffato, arrendendosi ai 22 con 9 rimbalzi dell’eterno Randolph, ai 20 con 9/14 al tiro della gioventù di Fox e ai 24 dalla panchina di un ottimo Buddy Hield. Vanificato il season high di Dragic, Miami – che sul parquet dei Kings non poteva contare né su Dwyane Wade né su Hassan Whiteside, entrambi infortunati – ha 22 punti con 6 triple da Wayne Ellington e un James Johnson non lontano dalla tripla doppia (18 punti, 10 rimbalzi, 7 assist), ma cede una gara importante in ottica playoff che potrebbe rimpiangere a fine stagione. 

Orlando Magic-Milwaukee Bucks 126-117

TABELLINO

Dopo la figuraccia rimediata sul parquet di San Antonio (-36), gli Orlando Magic avevano qualcosa da farsi perdonare. Brutta notizia per i Milwaukee Bucks, delle due squadre sicuramente quella per cui la vittoria aveva un’importanza maggiore. Con 20 punti combinati di Jonathon Simmons e D.J. Augustin Orlando chiude il primo quarto con un parziale di 27-7 e va avanti di 16. I Bucks riescono a rientrare fino a ottenere il primo vantaggio con meno di cinque minuti da giocare nel terzo quarto, quando però arriva un altro parziale dei Magic che stavolta si rivela decisivo: il 14-0 che mande le due squadre all’ultimo mini-riposo porta i padroni di casa sul +9 e da lì la squadra di coach Vogel resta in controllo per tutto il quarto periodo. Una brutta battuta d’arresto – l’ennesima – per Milwaukee, che perde così la settima gara nelle ultime dieci e spreca l’occasione di allungare su Miami, consolidando il proprio settimo posto a Est. Non basta la solita prestazione mostruosa di Giannis Antetokounmpo, autore di 38 punti, 10 rimbalzi, 7 assist e 3 recuperi, e neppure i 22 di Khris Middleton e i 20 di Eric Bledsoe: Orlando – sempre senza Aaron Gordon – ha una serata magica sia da parte di Jonathon Simmons, che chiude con 35 punti e 7 triple a segno, che di D.J. Augustin, autore di 32. Alle loro prestazioni si somma quella di un Nikola Vucevic vicino alla tripla doppia con 22 punti, 9 assist e 9 rimbalzi, cifre che fanno disperare l’allenatore di Milwaukee Joe Prunty, che chiama lo sforzo della sua squadra “orribile”.

Golden State Warriors-Los Angeles Lakers 117-106

TABELLINO

Pur senza Steph Curry, Draymond Green, David West,  e ora anche Klay Thompson, alle prese con la frattura al suo pollice destro, Golden State trova un modo di sconfiggere i Lakers sul proprio campo, affidandosi ai punti di Kevin Durant (26 con 10/19 al tiro ma solo 1/6 dalla lunga distanza) e a un quintetto davvero inedito, che insieme al n°35 vede schierato Quinn Cook, Nick Young, Kevon Looney e Zaza Pachulia, alla sua prima partenza nei primi cinque dopo l’All-Star Game, onorata da una gara da 10 punti, 12 rimbalzi e 5 assist. In perfetta parità all’intervallo, la gara prende la direzione dei padroni di casa con il parziale di 21-7 in apertura di terzo quarto, frutto di un quasi perfetto 7/8 dal campo ed effettuato senza neppure un punto da parte di Kevin Durant. È di 62-51 il parziale della seconda metà di gara per gli Warriors, alla settima vittoria in fila alla Oracle Arena contro i Lakers, che non vincono a Oakland dal 22 dicembre 2012. Coach Kerr trova 18 punti da Nick Young e 15 dalla panchina da parte di Omri Casspi, mentre ai gialloviola – in assenza di Kyle Kuzma, fuori con una caviglia dolorante – non basta l’ennesima ottima prestazione di Julius Randle a quota 22 con 10 rimbalzi, i 20 di Brook Lopez e di Isaiah Thomas con 5 triple e 7 assist e un Lonzo Ball da 11 assist, 5 rimbalzi, 3 recuperi ma solo 1/8 da tre punti (e 8 punti). Golden State torna alla vittoria dopo i due ko contro Blazers e Timberwolves e non smette di sperare in un improbabile aggancio agli Houston Rockets in vetta alla Western Conference. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche