Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA 2018, San Antonio-Golden State 97-110: Messina non fa miracoli, gli Warriors vanno sul 3-0

NBA

Con il tecnico italiano a sostituire Popovich in panchina, gli Spurs partono bene ma non hanno risposte ai 26 punti di Kevin Durant e alla profondità dei campioni NBA in carica, a cui ora manca una sola vittoria per il passaggio del turno

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

CLICCA QUI PER IL TABELLINO

San Antonio Spurs-Golden State Warriors 97-110

Nessun video tributo, nessun minuto di silenzio, ma all’AT&T Center non può essere una partita come le altre, perché Gregg Popovich non è in panchina – al suo posto fa l’esordio nei playoff Ettore Messina – e non c’è in seguito alla morte della moglie Erin, con cui era sposato da 40 anni. “Un padre e una madre per me, quando sono arrivato nella lega dalla Francia”, dice Tony Parker, e il playmaker n°9 sfodera non a caso una prestazione d’altri tempi, 16 punti in 17 minuti, tutti dedicati al suo allenatore. Ma giocare in queste condizioni non è facile, ammette anche Manu Ginobili, e ancora meno contro avversari del genere, i campioni NBA in carica. San Antonio infatti parte anche bene, segnando i primi sei punti della gara e restando sopra di 5 a metà del secondo quarto. Quarto che però termina con un parziale di 20-9 per gli ospiti che vanno all’intervallo sopra di 6, 52-46, con Kevin Durant già a quota 17. Saranno 26 alla fine, con 9 rimbalzi e 6 assist, i punti del n°35 degli Warriors, miglior marcatore di una gara che Golden State nel secondo tempo controlla abbastanza agevolmente (c’è spavento quando KD si gira una caviglia a quattro minuti e mezzo dalla fine ma esce sulle sue gambe). Coach Steve Kerr ha 19 punti con 3/6 da tre da Klay Thompson, 16 con 8/8 ai liberi da Shaun Livingston, 12 da Quinn Cook e 10 con 7 assist, 6 rimbalzi e 4 stoppate dal solito tuttofare Draymond Green. La differenza a livello statistico la fanno le percentuali di tiro: i californiani chiudono sopra il 51% dal campo (con 26 assist su 42 canestri) mentre i texani si fermano al 42.5% tirando anche un insufficiente 7/33 dall’arco. Tra gli Spurs il migliore è ancora una volta LaMarcus Aldridge, che chiude in doppia doppia a quota 18 punti e 10 rimbalzi: oltre ai 16 di Parker con 6/12 al tiro Messina ne ha 14 da Patty Mills e 11 da Rudy Gay. San Antonio diventa la 127^ squadra nella storia dei playoff NBA a scavarsi la fossa dello 0-3 in una serie. Nessuna delle altre 125 (la 126 è Portland contro New Orleans) è mai riuscita a rimontare e vincere. Non sono momenti facili in casa Spurs. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche