Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Dirk Nowitzki già conquistato da Luka Doncic: “Che giocatore incredibile!”

NBA

Le parole del fuoriclasse tedesco dei Mavericks incoronano la matricola slovena: "Gestisce divinamente il pick and roll, ha grande visione di gioco e dimostra già la saggezza di un veterano. Non credo ai miei occhi: mai visto un ragazzo di 19-20 anni giocare così"

OPERAZIONE AL GINOCCHIO PER RUSSELL WESTBROOK: FUORI UN MESE

Una sorta di benedizione, di quelle da registrare e archiviare, per gli annali, perché arriva niente meno che dalla bocca di Dirk Nowitzki, uno dei più leggendari giocatori internazionali che la NBA abbia mai visto calcare i propri parquet. Luka Doncic, il suo giovane compagno ai Dallas Mavericks a partire da questa stagione, non poteva sperare in un benvenuto migliore, con le parole del tedesco di Wurzburg che — pur provando a non mettere troppo pressione sulle spalle del giovane talento sloveno — lo incoronano già come un giocatore davvero speciale. “Incredibile”, è il termine che Nowitzki usa per l’ex bambino prodigio del Real Madrid dopo averlo visto all’opera in questi giorni nei primi allenamenti comuni: “Non credevo ai miei occhi, penso di non aver mai visto nulla di simile in un giocatore di 19-20 anni”, le pesanti parole del n°41 dei Mavericks. A colpirlo soprattutto la saggezza e la capacità del giovanissimo talento sloveno nella gestione del pick and roll: “Trova il tagliante con passaggi dietro la testa o in mezzo alle gambe e legge sempre al meglio il gioco a due: se il suo difensore passa sotto il blocco non esita a tirare — e ha un ottimo tiro quando ha tempo di caricarlo — ma se il difensore passa sopra è capace di giocare con l’avversario dietro di lui come fanno solo i migliori, alla Chris Paul. La sua visione di gioco è incredibile, il controllo e la calma con cui gioca pure: sarà molto, molto divertente vederlo giocare perché per un giocatore della sua altezza — stiamo parlando di 2.03/2.05 — tratta benissimo il pallone”. Con la sua consueta modestia — quella di uno dei soli 6 giocatori calai di segnare 30.000 punti nella lega, l’unico europeo a riuscirci — Nowitzki è arrivato addirittura a preferire senza dubbio Doncic all’analoga versione giovanile di se stesso: “Io sapevo giusto tirare un po’ ma non avevo neppure minimamente la visione del campo, la saggezza e tutte le altre caratteristiche che Luka porta sul parquet con sé già oggi”.

Le insidie del primo anno

Il tedesco, però, memore delle difficoltà incontrare all’esordio nella lega, è consapevole che anche per lo sloveno campione europeo in carica possano esserci dietro l’angolo parecchie insidie: “Ci sono passato anch’io, una ventina di anni fa: venendo da un paese diverso non è facile adattarsi a una nuova cultura, a un nuovo livello di pallacanestro, a nuovi allenatori, a un nuovo stile di gioco. Per me il primo anno è stato molto ma molto duro ed è per questo che a Dallas volgiamo fare di tutto per cercare di aiutare Luka a sviluppare il suo gioco e a divertirsi fin dall’inizio, in modo che nel giro di un paio di anni potremo già vederlo esprimersi al meglio”. Doncic — che nella sua stagione d’esordio guadagnerà più del venerabile maestro tedesco (i 5.5 milioni di dollari frutto della scelta alla n°3 dell’ultimo Draft superano i 5 accettati da Nowitzki per la sua 21^ stagione NBA) — ha dalla sua già una notevole esperienza da straniero, avendo lasciato la natìa Slovenia a soli 13 anni per trasferirsi in Spagna e iniziare precocemente una carriera da adulto nel Real Madrid: esperienze che lo hanno reso più maturo della sua età anagrafica sia in campo che fuori e che fanno quindi ben sperare Nowitzki e tutti i tifosi dei Mavericks.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche