Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, esplode Jamal Murray: 48 punti e Boston va di nuovo ko a Denver

NBA

La guardia canadese dei Nuggets realizza il suo massimo in carriera da 48 punti e spinge i suoi alla sesta vittoria su sei in casa, confermando il secondo posto a Ovest. Ai Celtics non bastano i 31 punti di Kyrie Irving per evitare la seconda sconfitta in fila

TUTTI GLI HIGHLIGHTS DELLA NOTTE

I CLIPPERS BATTONO I T'WOLVES, 22 PER GALLINARI

RISULTATI DELLA NOTTE: HARDEN DECISIVO CON INDIANA, TORONTO NON SI FERMA

Denver Nuggets-Boston Celtics 115-107

Prima dell’inizio della stagione i General Manager della NBA avevano indicato Jamal Murray come il candidato principale ad avere una “breakout season”, e la guardia canadese dei Denver Nuggets non sta tradendo le attese. I suoi 48 punti contro i Boston Celtics rappresentano la sua miglior prestazione in carriera, e ciascuno di essi è stato fondamentale per avere ragione dei biancoverdi, partiti fortissimo nel primo quarto fino a costruirsi un vantaggio di 18 lunghezze. Murray, però, si è tenuto il meglio per l’inizio e per la fine della gara: 14 dei 19 punti del primo quarto dei Nuggets portano la sua firma, così come nell’ultimo quarto ne ha messi addirittura 19, fondamentali per tenere a distanza il tentativo di rimonta degli ospiti. Il numero 27 di Denver ha chiuso con 19/30 al tiro e 5 triple a segno in una serata in cui l’unico rammarico è aver mancato per due volte la possibilità di arrivare a quota 50, prima sbagliando un sottomano rovesciato e poi con una tripla sulla sirena a partita conclusa che ha fatto arrabbiare i suoi avversari. Di tutt’altro avviso sono stati i suoi compagni, che hanno lasciato a Murray il pallone e si sono limitati a giocare di sponda, con 13 punti a testa di Trey Lyles e Gary Harris, 10 di Paul Millsap e 8+10+8 di Nikola Jokic, frenato dai problemi di falli. Con questa vittoria i Nuggets si portano a un record quasi immacolato di 9 vittorie e una sconfitta (miglior partenza dal 1976-77), forti del 6-0 conquistato tra le mura amiche e con il merito di essere stati l’unica squadra in grado di battere i Golden State Warriors in questa stagione. Con un andamento del genere nonostante l’infortunio di un titolare come Will Barton, i Nuggets potrebbero anche pensare di giocarsi fino in fondo un posto tra le prime quattro a Ovest.

Kyrie Irving e poco altro: i Celtics non fanno canestro

Ai Boston Celtics, invece, non è bastato un Kyrie Irving in grande spolvero (13/17 al tiro e 31 punti finali) per avere ragione dei Nuggets, raccogliendo la seconda sconfitta in fila dopo quella sul campo degli Indiana Pacers. Gli uomini di coach Stevens rimangono così al quarto posto a Est con un record di 6-4 e continuano a mostrare i problemi in attacco che hanno contrassegnato il loro inizio di stagione. Specialmente nei due quarti centrali i biancoverdi hanno faticato a trovare attacco: tolto l’8/10 di Irving, tutti i suoi compagni hanno tirato 10/32 dal campo e 1/11 dalla lunga distanza, tanto che alla fine solo Jayson Tatum, Jaylen Brown (15 punti a testa) e Al Horford (12) sono riusciti a toccare la doppia cifra. Troppo poco per poter pensare di battere i Nuggets sul loro campo, ma anche per fare tutta la strada che i Celtics vogliono fare quest’anno: il primo posto di Toronto è già distante tre partite e mezza e i canadesi non hanno alcuna intenzione di rallentare. Servirà ritrovare in fretta lo smalto migliore nella metà campo offensiva per provare a conquistare il fattore campo in vista dei playoff.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche