09 novembre 2018

NBA, allarme Golden State Warriors: infortunio muscolare per Steph Curry

print-icon

Il numero 30 dei Golden State Warriors è uscito nel terzo quarto della sfida persa contro Milwaukee per uno strappo all'inguine. La risonanza magnetica ha dato esiti confortanti, ma non sono ancora definiti i tempi di recupero: "Verrà valutato giorno per giorno fino a quando non sarà completamente sano" la valutazione di Kerr

MILWAUKEE SPAZZA VIA GOLDEN STATE, BOSTON RIMONTA DA -22

GALLINARI DA 20 PUNTI NON BASTA: I CLIPPERS CADONO A PORTLAND

Brutte notizie per i Golden State Warriors: Stephen Curry è uscito nel corso del terzo quarto della partita persa con i Milwaukee Bucks per quello che è stato definito come una lesione all'inguine (inizialmente si parlava di adduttore, prima di accertarsi della zona interessata), senza più rientrare in campo. La risonanza magnetica ha dato però esiti confortanti, come li ha definiti coach Steve Kerr, anche se non è chiaro quando potrà rientrare in campo: per il momento la sua situazione verrà valutata giorno per giorno, anche se è già certa la sua assenza nella sfida di sabato notte contro Brooklyn. "La risonanza pareva buona, non dovrebbe essere un infortunio troppo serio" ha detto Kerr dopo i risultati dell'esame. "Rimarrà fuori per un po' e verrà rivalitato giorno per giorno. Gli fa ancora male, perciò non lo rischieremo fino a quando non sarà completamente sano e pronto a scendere in campo. È difficile muoversi lateralmente quando hai l'inguine fuori uso". Curry si è infortunato nel tentativo di contestare un passaggio della guardia dei Bucks Eric Bledsoe, rimanendo in partita per qualche momento prima di uscire dal campo e dirigersi direttamente negli spogliatoi, dai quali non è più riuscito. Curry, come tutti gli Warriors, non ha vissuto una gran serata contro Milwaukee: nei 26 minuti in cui è rimasto in campo ha tirato solo 5/14 dal campo per 10 punti, la sua peggior prestazione stagionale, lasciando a Klay Thompson e Kevin Durant l’onere di chiudere la sfida. Il due volte MVP comunque non dovrebbe rimanere fuori troppo a lungo e con gli Warriors che hanno messo in cascina già dieci vittorie nelle prime dodici gare (seconda miglior partenza nella storia della franchigia), possono permettersi di aspettarlo con tutta calma.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi