10 novembre 2018

NBA: Boston arriva con il fiato corto, i Jazz si prendono la rivincita contro i Celtics

print-icon

I Jazz coprono di fischi Gordon Hayward e si prendono il successo sul parquet, battendo Boston dopo essere stati sul +20 e aver permesso ai Celtics di rientrare. Mattatore Joe Ingles, autore di 27 punti (massimo in carriera), uno dei sei giocatori di Utah in doppia cifra

TUTTI GLI HIGHLIGHTS DELLA NOTTE

FISCHI E CONTESTAZIONE PER GORDON HAYWARD AL RITORNO NELLO UTAH

EMBIID DOMINA CONTRO CHARLOTTE, BROOKLYN VINCE ALLO SCADERE

Utah Jazz-Boston Celtics 123-115

In trasferta, in back-to-back, da Phoenix a Salt Lake City, dopo aver giocato e vinto una gara all’overtime in rimonta ed essere stati sotto di 22 punti. Be’, le attenuanti c’erano davvero tutte per i Celtics, rimasti aggrappati alla partita contro i Jazz fino agli ultimi istanti nonostante il chiaro affaticamento e il fiato corto. Boston infatti resta a contatto per 20 minuti, prima di iniziare a scivolare lontano dai Jazz. Al ritorno in campo dagli spogliatoi dopo l’intervallo lungo, il crollo: Boston non gira più e Utah vola via, con Jay Crowder (l’ex dal dente avvelenato) che a metà terza quarto da sotto firma il canestro del +20 per i padroni di casa. “Gara chiusa, dentro le riserve e un po’ di garbage time”, avranno pensato gli spettatori sugli spalti, ma non quando in campo ci sono i Celtics (nonostante l'assenza di Kyrie Irving): i ragazzi di coach Stevens infatti ritornano prepotentemente nel match, approfittando delle parziali difficoltò offensive di Utah e riportandosi a contatto. Mai così tanto da riuscire a mettere il naso avanti, ma abbastanza per tenere sulla corda Donovan Mitchell e compagni. Nel finale Boston arriva più volte fino al -4, ricacciata indietro però da un paio di stoppate di Rudy Gobert (condite con 17 punti e 15 rimbalzi) e dalle triple del già citato Crowder (20 punti in uscita dalla panchina). Non i migliori realizzatori dei Jazz, visto che a guidare i mormoni ci pensa Joe Inglese, autore di 20 punti con 8/9 al tiro a fine primo tempo in una gara chiusa con 27 totali a referto (suo nuovo massimo in carriera, tanto che Mitchell prima di rientrare negli spogliatoi prova a fare vento con l'asciugamano e a "spegnere" la sua mano calda). L’australiano, così come tutti i suoi compagni, ha salutato sorridente e conciliante Gordon Hayward, al suo primo ritorno da avversario a Salt Lake City. Una partita speciale e molto complicata per il n°20 di Boston (di cui abbiamo parlato nel dettaglio qui), uno dei sei giocatori in doppia cifra tra i Celtics: una bella prova di tenuta fisica e mentale, ma non abbastanza per evitare la quarta sconfitta nelle prime 11 gare della stagione.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi