Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Jusuf Nurkic chiude con 20+20 e 5x5: è record, nessuno come lui nella storia

NBA

Il lungo bosniaco di Portland è il protagonista nel successo all'overtime contro Sacramento. Cifre mai viste prima, messe a referto per salutare la nonna recentemente scomparsa e offuscare un vecchio compagno, diventato ormai un rivale

PORTLAND PASSA ALL'OVERTIME CONTRO SACRAMENTO

L’aritmetica non sempre è stata il suo forte (soprattutto quando si è trattato di calcolare i chili da perdere o quelli di troppo), ma per una notte i conti sono tornati come mai successo prima nella storia NBA. Jusuf Nurkic si è preso il centro della scena, la vittoria all’overtime contro Sacramento (grazie al contributo arrivato nel momento più propizio di Damian Lillard) e soprattutto un record mai visto prima, mettendo a referto una prestazione degna dei migliori centri della storia della Lega. Cifre impressionanti non solo per lui - che ha conquistato il suo nuovo primato per numero di rimbalzi catturati in una singola partita (23), eguagliando al tempo stesso quello di recupero (5) – ma in generale nella Lega: nessuno prima del bosniaco era riuscito a chiudere una gara da 5x5 (ossia con almeno cinque punti, rimbalzi, assist, stoppate e recuperi) e al tempo stesso andare oltre quota 20 per punti e rimbalzi. Una combinazione che ha portato Nurkic a fare letteralmente qualsiasi cosa sul parquet, chiudendo la sfida con 24 punti, 23 rimbalzi, sette assist, cinque recuperi e cinque stoppate. Tanta, tantissima roba, a conferma del suo momento d’oro in quella che ormai è diventata anche la sua squadra (e non solo di Lillard&McCollum). Nurkic è un bel grattacapo per le difese, nonostante non costituisca un pericolo con i piedi oltre l’arco - i 23 tentativi in 38 gare di questa regular season (tre soltanto a segno) sono un’eccezione, con il lungo bosniaco mai andato oltre le sette conclusioni totali in un'intera stagione. La resa spalle a canestro, la stazza e la sottovalutata capacità di passaggio però lo rendono un cliente scomodo, uno di quelli contro cui le difese spesso sottodimensionate non riescono a trovare rimedio (come successo agli Warriors nel doppio incrocio prima di Capodanno). Per ulteriori informazioni, basta chiedere a coach Joerger ad esempio, che ha provato invano a limitarlo con Willie Cauley-Stein; richiamato in fretta e furia in panchina dopo il 10-3 di parziale che ha aperto la sfida con Nurkic protagonista. “Questa notte ha giocato la sua miglior partita in carriera da quando veste la maglia dei Blazers – sottolinea coach Stotts - Ha fatto davvero un po’ di tutto, è stato utilissimo”.

La dedica per la nonna scomparsa da poco

Una partita speciale, arrivata a breve distanza da una brutta notizia che ha raggiunto Nurkic nelle ultime ore: la scomparsa della nonna in Bosnia, a migliaia di chilometri di distanza dalla California. Uno stimolo in più, un momento in cui non rendere vana la sua lontananza da casa: “Non male per un ragazzo nato in un piccolo paese della Bosnia”, è il suo commento via Twitter riprendendo i numeri messi a referto nella sfida contro Sacramento. “Ma si può sempre fare meglio…”, chiosa in un messaggio arrivato qualche istante dopo quello dedicato a sua nonna. Una celebrazione arrivata da più parti, a partire dal compagno di squadra Meyers Leonard, che ha anticipato NBA TV nel segnale l’eccezionalità della partita giocata da Nurkic: “Qualcuno può controllare per me: la “Bestia bosniaca” (il suo nickname sui social, ndr) ha messo a referto in contemporanea un 5x5 e un 20+20. Dovrebbe essere un record NBA… Fatemi sapere!”. Sì, una sensazione subito confermata e che mette in secondo piano la partita giocata a pochi minuti di distanza da Nikola Jokic. Il lungo dei Nuggets ha chiuso in tripla doppia (19 punti, 14 rimbalzi e 12 assist), aggiungendo anche tre stoppate al suo boxscore: cifre raccolte per la prima volta in NBA dopo che Larry Bird c'era riuscito 30 anni fa. L’ennesima conferma nella stagione da MVP disputata dal serbo; il giocatore che i Nuggets hanno preferito proprio a Nurkic. Una scelta che ha dato la svolta a Denver, diventata una macchina da canestri e la franchigia al momento con il miglior record a Ovest al giro di boa della regular season. D'altro canto però anche a Portland non possono lamentarsi: a prezzo di saldo è arrivato il complemento perfetto nei pressi del ferro a una squadra che vuole dire la sua ai playoff. Magari in uno scontro diretto contro Denver e con Jokic sotto canestro, visto che ormai i destini continuano a essere incrociati.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.