Please select your default edition
Your default site has been set

NBA: Paul George e i fischi della "sua" L.A.: "Non sono l'unico ad aver scelto altro"

NBA

Contestato per tutta la sfida, il n°13 dei Thunder si è preso la rivincita sul parquet e poi ha sottolineato a fine partita: "Non sono l'unico giocatore nato in questa zona che non gioca ai Lakers, la lista è molto lunga. Le offese del pubblico non mi condizionano"

SUPER PAUL GEORGE È DECISIVO CONTRO I LAKERS

La passata stagione il pubblico dello Staples Center le aveva provate davvero tutte per convincere Paul George a scegliere i Lakers in estate. Una partita utilizzata come vero e proprio reclutamento, cantando ed esponendo cartelli d’invito per quello che poteva diventare uno degli All-Star dei giallo-viola. Invece no, alla fine George ha deciso di restare in Oklahoma, mandando su tutte le furie i tifosi che a quel punto si sono sentiti abbandonati. E che hanno deciso di tartassarlo con i fischi per tutta la sfida: “È stato divertente, molto divertente – commenta George, riferendosi all’accoglienza ricevuta – guardo già avanti, pensando alla prossima partita in cui verrò fischiato in questa stagione. Quella la giocherò nel Midwest (riferimento alla sfida in trasferta contro i Pacers, ndr). Quando il pubblico mi contesta, dimostra di avercela con me, non riesce a condizionare il mio gioco. Non sarà qualche mugugno a farmi dimenticare di colpo come si gioca a pallacanestro”. A George infatti è toccata l’ultima parola, in una gara chiusa con 37 punti, 15/29 dal campo e tanto di schiacciata per sancire il successo di OKC. Un’inchiodata a cui è seguito un urlo liberatorio, quando lo Staples Center aveva già iniziato a bersagliare i propri giocatori; incapaci di segnare dalla lunetta e tenere il passo degli ospiti negli ultimi minuti. “Non sono l’unico ragazzo californiano, nato in questa zona che non gioca ai Lakers, la lista è molto lunga, ma non vuol dire che non porti rispetto per questa franchigia. Sono incredibili e hanno una dirigenza competente e invidiabile, come i tifosi e la città. Sono cresciuto qui, non posso che amare queste zone e questa gente, a prescindere dai fischi”. Prima della palla a due aveva detto di essere incerto riguardo l’atteggiamento che i tifosi avrebbero tenuto nei suoi confronti, ma alla fine è cambiato davvero poco o nulla: “Sono sceso sul parquet per fare il mio lavoro, ho messo tutto in una partita che abbiamo vinto e in cui mi sono molto divertito”.

La promessa non mantenuta e il mancato passaggio ai Lakers

Nato a Palmdale in California, la situazione di George è ben diversa da quella dei suoi conterranei, visto che era stato lui ad alimentare le speranze dei tifosi giallo-viola prima della trade del 2017 a OKC. L’All-Star dei Pacers a quel tempo non aveva dubbi: “Sogno di giocare ai Lakers”, ripeteva come un mantra, mentre Magic Johnson liberava spazio e preparava un piano per far entrare il suo contratto all’interno del salary cap dei losangelini. Frasi ripetute fino allo sfinimento, tanto da portare i tifosi lo scorso anno a salutarlo come un giocatore convinto di vestire la maglia giallo-viola. Un “Vogliamo Paul” trasformato in pochi mesi in “Non abbiamo bisogno di te”, come un innamorato ferito dai capricci della propria donna: “Sapevo a cosa sarei andato incontro – sottolinea George – non sono rimasto sorpreso, mi ero in qualche modo preparato a un’accoglienza del genere. È andata com’è andata, io recito la parte del cattivo ragazzo. Va bene così”. Una frattura ormai chiara tra lui e un pubblico che si è sentito preso in giro, che in pochissimo ha cambiato opinione su di lui, rendendolo nel giro di qualche settimana un ospite non gradito.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.