Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, San Antonio Spurs, sono 5 vittorie in fila: successo record per Popovich

NBA

Prosegue la marcia dei nero-argento che passano anche a Detroit e confermano il momento positivo: 26 punti per DeMar DeRozan e 25 di Aldridge permettono agli Spurs di rimediare al brutto avvio di gara. Successo n° 1.221 in carriera per Popovich: raggiunto Jerry Sloan, davanti a lui restano solo Don Nelson e Lenny Wilkens

TUTTI GLI HIGHLIGHTS DELLA NOTTE

NON SOLO HARDEN: 22 TRIPLE E I 31 DI CAPELA MANDANO KO DENVER

I LAKERS TORNANO AL SUCCESSO CONTRO DONCIC, BENE BUCKS E CELTICS

Detroit Pistons-San Antonio Spurs 107-119

Le cose non erano iniziate nel modo migliore per gli Spurs alla Little Caesar Arena: a metà primo quarto Detroit aveva già sfiorato la doppia cifra di vantaggio, costringendo coach Popovich a chiamare timeout per provare a scuotere i suoi. Ritornati sul parquet, palla persa dei nero-argento e facile schiacciata dei Pistons. L’allenatore di San Antonio a quel punto non ha esitato, fermando di nuovo il gioco dopo soli 14 secondi dall’ultima volta. È (anche) così che si vincono 1.221 partite da head-coach in carriera in NBA: “È stato soltanto un problema mentale, errori di concentrazione soprattutto a livello difensivo. Tutto questo ha permesso a Detroit di trovare facilmente il canestro”, sottolinea Bryn Forbes – uno dei cinque giocatori in doppia cifra in casa Spurs, autore di 15 punti. Dopo i primi 12 minuti però, le cose sono cambiate. Da quel 19-9 iniziale che ha costretto Popovich a urlare due volte nel giro di pochi secondi, San Antonio è riuscita a scuotersi, a riprendere in mano l’incontro e a conquistare così la quinta vittoria consecutiva. Quella che porta coach Popovich al terzo posto all-time per numero di vittorie totali, al pari di Jerry Sloan e alle spalle dei soli Don Nelson (1° a 1.335 successi) e Lenny Wilkens (2° a 1.332). Merito dei canestri dei due All-Star texani: 26 punti, nove assist e sette rimbalzi per DeMar DeRozan, un punto in meno con 9/12 al tiro per LaMarcus Aldridge. La squadra ha imparato a gravitare attorno a loro, raccogliendo un ottimo 54.4% dal campo di squadra e approfittando delle evidenti carenze e difficoltà dei Pistons. Marco Belinelli raccoglie nove punti nei 21 minuti convincenti trascorsi sul parquet, con una tripla e un paio di giocate illuminanti per i compagni. Dall’altra parte invece Blake Griffin è l’unico ad aver provato a tirare fuori dalle secche una squadra svuotata di energie, incapace di tenersi al momento l’ottavo posto a Est – superata in classifica dai Brooklyn Nets. L’All-Star ex-Clippers chiude con 34 punti e otto assist, a cui si aggiungono i 19 e 14 rimbalzi di Andre Drummond: una coppia di lunghi che riesce a suo modo a essere dominante sotto canestro, ma senza ottenere i risultati sperati al termine dei 48 minuti. Per i Pistons è la 14esima sconfitta nelle ultime 18 gare: davvero una situazione complicata.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.