Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, LeBron James, qualcosa non va: niente partita contro i Clippers

NBA

Dopo l'ottimismo filtrato nei giorni scorsi, l'ennesimo passo indietro nel percorso di rientro seguito dal n°23 dei Lakers, che non sarà sul parquet neanche nel delicato derby decisivo nella corsa playoff

ALL-STAR GAME, I 10 TITOLARI DELLA PARTITA DELLE STELLE

DAVIS NON C'È E FA NOTIZIA: DENVER VINCE A NEW ORLEANS

Luke Walton continua a predicare calma, ma dopo le 17 partite senza che LeBron James sia sceso in campo è inevitabile che qualcuno inizi a storcere il naso di fronte a un’assenza che punta dritto verso le sei settimane (la previsione pessimistica peggiore data subito dopo la gara di Natale contro Golden State). Il rientro contro i Clippers sembrava ormai una formalità, ma Brandon Ingram e compagni dovranno ancora una volta fare a meno di lui in una sfida che vale tantissimo in ottica playoff. Vincere vuol dire ridurre a una sola partita il gap che attualmente li separa dalla post-season, perdere invece lo allargherebbe a tre; complicando poi il lavoro "di risalita" che James sarà comunque costretto a fare nei prossimi mesi. “Sta molto bene – racconta coach Walton – si è allenato con il resto del gruppo, abbiamo fatto una sessione ridotta visti i tanti infortuni. Ha fatto tutto ciò che era in programma, rispondendo al meglio a livello fisico. Stava già bene due giorni fa, adesso non resta altro che vedere il recupero nelle prossime ore”. Ma quindi LeBron gioca si o no? Walton si allontana dai microfoni, lasciando però la porta socchiusa alle sue spalle per permettere all’addetto stampa di dare comunicazione ufficiale: James resterà fuori anche contro i Clippers. E non sarà l’unico, visto che oltre al lungodegente Lonzo Ball, anche Josh Hart (ginocchio) e Kyle Kuzma (anca) sono considerati in dubbio. “Sto migliorando la mia condizione negli ultimi giorni, ma vedremo come reagirò fisicamente in vista della partita”, sottolinea il n°0. E nel frattempo in molti continuano a pensare a Kuzma come una pedina di scambio nella trade per arrivare a Davis: “È la prima volta in carriera che mi trovo nel bel mezzo di voci di mercato: so che in NBA funziona così, e poi l’apprezzamento da parte di altre squadre fa sempre molto piacere. Non mi crea di certo problemi quando scendo in campo”. Lui infatti potrebbe esserci, a differenza di LeBron che a questo punto potrebbe tornare sul parquet di nuovo a Oakland, chiudendo il cerchio lì dove tutto è iniziato. Una speranza su cui non fare troppo affidamento: l’unica cosa certa a questo punto infatti è non fare previsioni.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche