Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Golden State-Philadelphia 104-113: Curry da 41, ma i Sixers fermano la striscia

NBA

I Golden State Warriors cadono dopo undici vittorie consecutive, superati in casa dalla coppia Joel Embiid-Ben Simmons da 26 punti a testa. Ai campioni in carica non bastano i 41 con 10 triple di Steph Curry e i 25 di Kevin Durant

TORNA LEBRON JAMES E I LAKERS VINCONO IL DERBY ALL'OVERTIME

CLAMOROSO A NEW YORK: PORZINGIS SALUTA I KNICKS E VA A DALLAS

I NOMI DELLE 14 RISERVE DELL'ALL-STAR GAME

GLI SPURS VINCONO NONOSTANTE L'INVASIONE DI PIPISTELLI SUL PARQUET

Se la regular season è di qualche indicazione in ottica playoff, c’è da scommettere che i Golden State Warriors — quando e se arriveranno alle quinte Finali NBA consecutive — dovranno sudarsela un po’ di più rispetto a quanto fatto negli ultimi due anni. Per la terza volta consecutiva i campioni in carica hanno perso in casa contro una contender della costa Est: dopo le nette sconfitte con Milwaukee e Toronto di inizio stagione, i Dubs hanno perso anche contro i Philadelphia 76ers, interrompendo la loro striscia di undici vittorie consecutive che sembrava inarrestabile. Gli ospiti sono stati guidati da una prestazione straordinaria di Joel Embiid e Ben Simmons: i due All-Star dei Sixers hanno mostrato il meglio del loro repertorio mettendo a referto 26 punti a testa, con il primo che ha raccolto 20 rimbalzi (6 in attacco) e il secondo che ha aggiunto 8 rimbalzi, 6 assist e 3 recuperi, oltre a una difesa di altissimo livello su chiunque gli capitasse davanti. Con Jimmy Butler in serata no (7 punti e 3/12 dal campo), i due si sono fatti carico della rimonta di un secondo tempo rapsodico: nel terzo quarto i Sixers hanno schiantato gli Warriors rifilando loro 42 punti (massimo stagionale per la squadra di coach Brown); poi nel quarto hanno trasformato la sfida in una guerra di trincea tenendo gli avversari sul 18-18. Abbastanza però per portare a casa la prima vittoria contro Golden State da sei anni a questa parte, con J.J. Redick a quota 15 punti e Landry Shamet con 10.

Steph Curry scintillante, ma secondo tempo da dimenticare per gli Warriors

Con Klay Thompson fermato dall’influenza (prima assenza stagionale per lui), a farne le veci è stato ancora una volta uno Steph Curry scintillante, autore di 26 punti nel solo primo tempo prima di chiudere con 41, frutto di un ottimo 14/27 dal campo e di uno straordinario 10/18 dalla lunga distanza, provando in tutti i modi a tenere i suoi a contatto firmando il canestro del -5 a 2:46 dalla fine. Con Kevin Durant insolitamente poco efficiente (25 punti con 24 tiri, 1/8 da tre e soli due liberi tentati), gli unici altri Warrior in doppia cifra sono stati Kevon Looney a quota 14 e Alfonzo McKinnie con 11, con i campioni in carica che hanno tirato malissimo (1/20 da tre punti tolto Curry) e hanno concesso ben 16 rimbalzi offensivi agli avversari, perdendo lo scontro sotto i tabellino 49-37 e nell’amato terzo quarto (26-42 per gli ospiti). DeMarcus Cousins al suo debutto alla Oracle Arena ha chiuso con 7 punti, 6 rimbalzi, 6 assist, 3 palle perse e 3 recuperi in 25 minuti di culto contro Joel Embiid, incrociando spesso e volentieri la strada del numero 21 e regalando momenti di pura battaglia con il centro camerunense, che però almeno per questa volta ha finito per avere la meglio. È ancora decisamente troppo presto per sapere se questa partita possa rappresentare un antipasto delle NBA Finals, ma se così fosse, ci sarebbe davvero da divertirsi a giugno.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.