Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, San Antonio Spurs, ci pensa Aldridge: OKC perde la quarta gara in fila

NBA

I texani conducono la sfida contro Oklahoma City grazie a una super partenza e si tengono stretti il 7° posto a Ovest (allontanando sia Kings che Lakers). I Thunder invece vengono agganciati dai Blazers, entrambi terzi e con gli Warriors da evitare in semifinale

CROLLO LAKERS, BATTUTI ANCHE DAI SUNS: ADDIO AI PLAYOFF?

MITCHELL NE SEGNA 46: BUCKS FERMATI DAI JAZZ

CURRY&DURANT TRASCINANO GOLDEN STATE, PHILADELPHIA KO

TUTTI GLI HIGHLIGHTS DELLA NOTTE

San Antonio Spurs-Oklahoma City Thunder 116-102

In testa letteralmente dall’inizio alla fine. Gli Spurs volevano una conferma del fatto che il Rodeo trip più complicato degli ultimi 15 anni fosse definitivamente archiviato e così è stato: ci ha pensato soprattutto LaMarcus Aldridge, autore di 27 punti e dieci rimbalzi nel secondo successo consecutivo in casa. Ai suoi si aggiungono i 22 di Rudy Gay e i 18 con sette assist e sei rimbalzi di DeMar DeRozan. I Thunder sono rimasti a guardare, in testa alla sfida per meno di 30 secondi, quando nel primo quarto Dennis Schroder aveva segnato il libero del momentaneo 7-6. Da lì in poi soltanto Spurs, con Marco Belinelli che chiude con 1/6 al tiro e quattro punti in soli 16 minuti di utilizzo. Questa volta non c’è stato bisogno di un’ulteriore spinta in uscita dalla panchina: i texani infatti mettono da subito le cose in chiaro già nel primo quarto; un 38-25 di parziale che indirizza la sfida. Oklahoma City fa quel che può, ancora senza Paul George alle prese con un problema alla spalla e alla seconda sfida saltata: i Thunder ne risentono e incassano così la quarta sconfitta in fila che fa scivolare la squadra di Westbrook al pari dei Portland Trail Blazers. Per il n°0 sono 19 punti, nove rimbalzi e otto assist in una serata da 7/17 dal campo e soltanto una tripla a segno: con lui altri cinque giocatori in doppia cifra, che non bastano a evitare di rinnovare il non invidiabile record di sconfitte in casa degli Spurs. All’AT&T Center infatti OKC non riesce a vincere dall’ormai lontano 25 dicembre 2014, quando servì un Westbrook da 34 punti e 11 assist. Stavolta invece non è riuscito a fare gli straordinari contro un avversario chiaramente più motivato: il problema adesso per i Thunder è non farsi risucchiare indietro nella mischia, anche perché il quarto posto potrebbe costringere la squadra a dover fare i conti prima del previsto contro gli Warriors. Meglio cercare di rimettersi in marcia, recuperare George e andare a prendersi (almeno) il terzo posto. Già dalla sfida in back-to-back contro Memphis.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche