Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Patrick Beverley e la rivincita con i Lakers e LeBron: "Siamo i più forti a L.A."

NBA

Difesa forte su James per tutta la gara, provocazioni verso il pubblico gialloviola e la soddisfazione a fine gara di averci visto giusto già sei mesi fa: "A inizio anno ripetevo a tutti che eravamo meglio dei Lakers: le donne mentono, gli uomini pure. Ma i numeri no"

I CLIPPERS NON SI FERMANO, BATTONO LEBRON E CONDANNANO I LAKERS

GALLINARI IN ESCLUSIVA A SKY SPORT: "ORA VOGLIO VINCERE"

COACH WALTON AL CAPOLINEA: VIA DAI LAKERS IN ESTATE

Sarà lo “spirito di Chicago” che si porta dentro (come dice Doc Rivers) o la capacità di trovare sempre extra-motivazioni, ma Patrick Beverley quando serve riesce ad aggiungere alle sfide della sua squadra una dose di carica ed energia superiore agli altri. E quando il pubblico di casa - quasi sempre gialloviola a prescindere dal fattore campo nei derby dello Staples Center - ha iniziato a fischiare a fine gara, il n°21 dei Clippers non si è tirato indietro, ma ha continuato a chiederne di più. A invocarli a braccia aperte, sempre più forti dopo essere riuscito a dimostrare sul parquet al mondo intero che lui a inizio stagione ci aveva visto giusto: la squadra più forte di Los Angeles era la sua, nonostante dall’altra parte ci fosse LeBron James: “C’erano soltanto sette giornalisti al nostro media day a ottobre - racconta Beverley nello spogliatoio a fine gara - in quel momento ho detto a Shai Gilgeous-Alexander [rookie alla prima stagione in NBA, ndr] di guardarsi attorno, di fissare nella sua mente quanto fosse vuota quella stanza. ‘Aspetta la fine della stagione e vedrai come aumenteranno’, ho ripetuto. Sapevo già che eravamo la squadra migliore di Los Angeles, ma in molti continuavano a non credere alle mia parole. In fondo le donne mentono, gli uomini pure. Ma i numeri no”. E a guardare la classifica della Western Conference non si può che dargli ragione: Clippers settimi e ai playoff, reduci da sei vittorie fondamentali nelle ultime otto sfide nonostante la dolorosa partenza un mese fa di Tobias Harris; Lakers decimi e ormai fuori dalla post-season, con LeBron costretto ad alzare bandiera bianca dopo 14 anni e a rinunciare al solito appuntamento con i playoff.

Beverley e il suo "conto in sospeso" con LeBron

Il compito principale di Beverley è stato quello di prendersi cura di James in difesa (impegnando il meno possibile Danilo Gallinari, risultato poi decisivo in attacco), mettendosi sulle tracce del n°23 dei Lakers già da metà campo non appena iniziava a orbitare nei pressi del pallone. Nel replay proposto dalla regia del derby durante un timeout con le telecamere focalizzate sul duello tra i due, è evidente quanto sia stato provocatorio l'atteggiamento dei n°11 dei Clippers, sempre pronto a toccare l'avversario, a spostarlo, a infastidirlo in ogni modo. A questo Beverley ha aggiunto poi un contributo da 13 punti, nove rimbalzi, cinque rubate e quattro assist. “Difesa, competitività, sempre pronto ad andare a muso duro contro chiunque: queste sono solo alcune delle caratteristiche che Beverley aggiunge alla nostra squadra - sottolinea Montrezl Harrell - e lo fa ogni sera che scendiamo in campo. Prima ancora che il coach decidesse il piano partita, lui è entrato in sala riunioni e ha detto: ‘In difesa mi occupo io di LeBron’. Un giocatore sotto la media per altezza e stazza che riesce a tenere testa a un gigante di quel livello, ma la differenza di dimensione e forza non ha mai preoccupato Pat. Questo è ciò che lo rende speciale”. Con James poi ci sono anche dei conti personali in sospeso - almeno dal punto di vista di Beverley, che con LeBron ha condiviso il parquet per qualche settimana durante la preseason 2010 agli Heat: “Ho giocato a Miami con lui, ma poi hanno deciso di tagliarmi dopo il training camp. Sono stato scelto al Draft dai Lakers, che mi hanno scambiato con gli Heat [dimostrando quindi un interesse nei miei confronti, ndr]. Poi però è arrivato LeBron dopo qualche settimana e sono stato fatto fuori. Ricordo quel momento come se fosse ieri: per quello oggi da parte mia c’era una motivazione particolare”. Un conto in sospeso da quasi dieci anni, ma a Beverley basta davvero poco per aggiungere extra-motivazioni e per dimostrare di avere ragione. [In basso, una foto del training camp del 2010, con LeBron che spiega qualcosa a Beverley]

I Clippers vogliono i playoff, nonostante le scelte di mercato

Un altro messaggio forte in casa Clippers arriva dalle parole pronunciate da Gallinari nell’intervista esclusiva rilasciata a Sky Sport: “Voglio vincere qualcosa di importante”; una frase che meno di un mese fa sarebbe apparsa fortemente in controtendenza rispetto alle decisioni prese dalla dirigenza losangelina e che invece adesso riacquista forza. Molti dei commentatori e dei giornalisti infatti, dopo la trade di Tobias Harris con Philadelphia, avevano ipotizzato che il piano dei Clippers fosse quello di rimandare al prossimo anno l’assalto ai playoff. Smobilitare a febbraio, liberare spazio salariale e tenersi stretti la scelta al primo giro al Draft rinunciando alla post-season. Arrivare in zona lottery infatti permetterebbe alla squadra di Los Angeles di “riscattare” la scelta, scambiata con protezione 1-14 con Boston. Ma i Clippers sul parquet non hanno smesso di lottare, trovando un nuovo equilibrio: da quando Harris ha salutato la compagnia segnando il canestro decisivo contro Charlotte sono arrivate sette vittorie in 11 gare, con Gallinari spesso protagonista e chiamato a prendersi ulteriori responsabilità. Il n°8 azzurro assieme al duo in uscita dalla panchina Williams-Harrell è il centro nevralgico attorno a cui ruota la squadra di Doc Rivers, che liberato lo spazio salariale necessario sa bene di poter ambire a convincere dei giocatori di primissimo livello in estate a suon di milioni di dollari. Lo spot migliore al momento non sono le scelte, ma dimostrare di saper vincere anche in situazioni complicate. E i Clippers al momento stanno riuscendo al meglio in questa “impresa”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.