Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, torna Klay Thompson e si vede: 9/11 da tre, 39 punti, Nuggets travolti dagli Warriors

NBA

Assente nelle ultime due gare, il tiratore di Golden State non perde tempo a ritornare protagonista: segna 27 dei suoi 39 punti nel primo tempo e guida i californiani a un facile successo che rafforza il loro primato nella Western Conference

LA NOTTE MAGICA DI GALLINARI: OKC VA KO

RISULTATI E RECAP DELLA NOTTE

VIDEO. GLI HIGHLIGHTS DELLA NOTTE

Golden State Warriors-Denver Nuggets 122-105

Gli Warriors avevano già battuto sonoramente i Nuggets una volta, questa stagione (142-111 a Denver): da subito è stato chiaro che sarebbe stata un’altra serata difficile per gli uomini di coach Malone. Golden State parte 20-6 e all’intervallo è già sopra di 17 punti, 67-50: il merito è soprattutto di un Klay Thompson che dopo aver dovuto saltare le ultime due gare evidentemente non vedeva l’ora di tornare in campo. Il n°11 di coach Kerr segna 27 dei suoi 39 punti nel solo primo tempo, in una gara chiusa con un clamoroso 9/11 da tre punti (per Thompson si tratta dell’undicesimo trentello stagionale, ma anche dell’ottava volta in cui va all’intervallo già con almeno 20 punti). Al resto ci pensa un supporting cast che – se si tratta degli Warriors – conta soltanto All-Star: Kevin Durant ne porta in dote 26, Steph Curry si ferma a 17 con 7 assist ma anche 7 perse e DeMarcus Cousins gioca forse la sua  gara più completa da quando è sulla Baia, chiusa con 13 punti, 6 rimbalzi, 6 assist, 6 stoppate e 3 recuperi. “Una prova d’orgoglio”, la chiama Steve Kerr quella della sua squadra, reduce dalla peggior sconfitta interna degli ultimi cinque anni (contro Boston), e in effetti per i Nuggets le uniche note positive arrivano dalla panchina, che surclassa quella dei padroni di casa (58-23, guidata dai 17 punti a testa di Monte Morris e Malik Beasley – Nikola Jokic è il migliore tra i titolari con solo 16 punti e 5/10 dal campo) ma che non impediscono a coach Malone di giudicare duramente ma in maniera onesta gli equilibri in campo: “Sono più forti di noi – dice – se non fosse stato per le nostre riserve oggi ci avrebbero umiliato”. Non un buon viatico ai playoff, dove Denver si annuncia come una delle principali antagoniste degli Warriors: se vuole davvero esserlo, qualcosa deve cambiare. E Michael Malone lo sa. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche