Please select your default edition
Your default site has been set

Risultati della notte: Portland 3^ a Ovest con la tripla doppia di Turner, cade Phila

NBA

La panchina dei Blazers grande protagonista nella vittoria su Minnesota, che dà a Portland un piccolo vantaggio su Houston. Dopo OKC, Dallas batte anche Philadelphia, vincono Knicks e Suns

PLAYOFF, PERDONO TUTTE NELLA CORSA A EST

VIDEO. TUTTI GLI HIGHLIGHTS

Minnesota Timberwolves-Portland Trail Blazers 122-132

Con l’infortunio di Jusuf Nurkic alla second unit dei Portland Trail Blazers era stato chiesto di rispondere con un messaggio forte: i 60 punti messi a segno contro Minnesota – 19 da Seth Curry, con Evan Turner in tripla doppia uscendo dalla panchina – sono l’ennesima dimostrazione che la squadra dell’Oregon non è solo Damian Lillard (15 con 12 assist per lui) o C.J. McCollum (ancora fuori). Gli ospiti sembrano aver già vinto la partita alla fine del primo tempo, quando vanno avanti anche di 19 punti forti di un ottimo 10/16 dalla lunga distanza. Due parziali dei Timberwolves nel terzo quarto – prima un 16-6, seguito poi da un 12-0 a chiusura del periodo – portano i padroni di casa in vantaggio di 3 all’inizio degli ultimi dodici minuti, che Portland però domina 35-22, grazie soprattutto agli 8 punti e 8 rimbalzi nella frazione di Evan Turner, che chiude con 13 punti, 11 rimbalzi e 10 assist, la sua quarta tripla doppia di carriera ma la prima in maglia Blazers e solo la settima mai fatta registrare nella storia della lega con 5 o meno tiri tentati (perfetta la sua linea statistica al tiro: 5/5 dal campo con 1/1 da tre e 2/2 in lunetta). I due migliori marcatori di coach Stotts sono Rodney Hood con 21 punti e un ottimo Enes Kanter in doppia doppia a quota 20 con 11 rimbalzi, mentre per Minnesota il migliore è un Andrew Wiggins che tocca i 20 punti per la settima gara in fila (chiudendo a 21) e un Gorgui Dieng al massimo stagionale a quota 18. Non bastano contro Portland, che ha vinto 10 delle ultime 12 gare disputate. 

Dallas Mavericks-Philadelphia 76ers 122-102

Ai padroni di casa manca Luka Doncic ma le assenze di Joel Embiid e Jimmy Butler tra gli ospiti si fanno sentire ancora di più: Philadelphia non segna un canestro dal campo per più di 10 minuti a cavallo tra il secondo e il terzo quarto, permettendo a Dallas di chiudere il primo tempo con un parziale di 28-8 in un secondo periodo da 41-18 che va a libri come il differenziale punti più alto di qualsiasi quarto di gioco nella NBA 2018-19. I Mavs fanno tesoro del vantaggio costruito e lo amministrano senza problemi da lì alla fine, contando sull’ennesima buona prestazione di Justin Jackson (24 punti per lui, di cui 16 nel terzo quarto) e sul buon contributo dalla panchina, con la doppia doppia di un Salah Mejri da 16 e 14 rimbalzi (con anche due triple realizzate, per la prima volta nella sua carriera) e con i 16 punti di Trey Burke: è di 62-28 il parziale a favore della second unit dei Mavs a fine serata. I titolari rimasti dei Sixers provano a fare tutto quello che è in loro potere per evitare la sconfitta ma i 26 punti di J.J. Redick, i 25 di Tobias Harris e i 17 di Ben Simmons non sono abbastanza. 

New York Knicks-Chicago Bulls 113-105

Il ritorno alla vittoria – solo la 15^ in stagione – dei Knicks dopo 6 sconfitte in fila significa il 5° ko consecutivo dei Chicago Bulls: basta questo dato a fotografare una gara non certo indimenticabile tra due tra le peggiori squadre NBA. La ricorderà Luke Kornet, che manda a segno il suo massimo in carriera a quota 24 punti grazie a un ottimo 5/7 da tre, ma New York ha anche 19 punti dal rookie Kevin Knox, 18 da Damyean Dotson e 17 da Emmanuel Mudiay, oltre alla doppia doppia da 14 punti e 10 rimbalzi, con 4/4 dal campo e 3 stoppate, di Mitchell Robinson. Ai Bulls non bastano i 29 di Robin Lopez, al suo massimo stagionale, e i 22 di JaKarr Simpson, ma Chicago paga le troppe assenze (LaVine, Markkanen, Porter Jr. e Dunn).

Phoenix Suns-Cleveland Cavaliers 122-113

Dopo aver perso le tre gare in cui ha segnato 59, 50 e 48 punti, Devin Booker trova la vittoria segnandone “solo” 25, cui però aggiunge 13 assist: (de)merito anche degli avversari, i non irresistibili Cleveland Cavs, giunti alla loro sesta sconfitta consecutiva. Tolta New York, è la sfida tra le due squadre col peggior record di lega: i Cavs vanno sotto anche di 22 all’inizio del terzo quarto ma riescono a rientrare fino al -7, prima di arrendersi di fronte ai 19 punti dalla panchina di un ispirato Jamal Crawford, che chiude con 7/10 al tiro, e ad altri 19 firmati Josh Jackson. Senza Kevin Love i migliori per Cleveland sono il rookie Collin Sexton a quota 21 punti, mentre Jordan Clarkson ne aggiunge 20.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.