Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, storico Russell Westbrook: 20+20+20 in onore di Nipsey Hussle

NBA

La stella degli Oklahoma City Thunder confeziona una tripla doppia da 20 punti, 20 rimbalzi e 21 assist, la seconda nella storia della NBA dopo Wilt Chamberlain nel 1968. A fine gara dedica la prestazione al suo amico Nipsey Hussle, che faceva parte della gang Rollin 60’s

GOLDEN STATE VINCE IL BIG MATCH

VIDEO. TUTTI GLI HIGHLIGHTS

Oklahoma City Thunder-Los Angeles Lakers 119-103

La vera definizione di una superstar NBA è la capacità di “accendersi” a comando e di alzare il livello del proprio gioco a volontà. Russell Westbrook è una superstar perché quando è follemente motivato è in grado di realizzare prestazioni che nessun altro può avvicinare, come quella che ha confezionato questa notte contro i Los Angeles Lakers. La stella degli Oklahoma City Thunder ha chiuso la partita con 20 punti, 20 rimbalzi e 21 assist, una “doppia” tripla doppia — la 31^ di questa stagione — che non si vedeva addirittura dal 1968, quando Wilt Chamberlain chiuse una partita da 22 punti, 25 rimbalzi e 21 assist. Westbrook è rimasto in campo fino all’ultimo minuto di gioco specificatamente per raggiungere quella quota in onore del suo amico Nipsey Hussle, rapper assassinato nella notte tra domenica e lunedì provocando reazioni commosse in tutta la NBA. Ma perché proprio 20+20+20? Il motivo è da ricercare nella gang di cui faceva parte Nipsey, i Rollin 60's Neighborhood Crips, una delle più antiche di L.A. “Questa prestazione non era per me, ma per mio fratello — per Nipsey. Venti più venti più venti. Chi deve sapere, sa cosa vuol dire” ha detto in campo dopo la partita. Una partita in cui i Thunder ancora una volta hanno faticato, finendo sotto nel secondo tempo dopo essere stati avanti di 11 lunghezze e con Westbrook che ha sbagliato 12 dei primi 14 tiri, chiudendo poi con 8/23 dal campo. I soliti problemi con il tiro in sospensione che non gli hanno impedito di guidare un quintetto tutto in doppia cifra, con 22 punti per Jerami Grant e 19 per Paul George, oltre ai 15 dalla panchina di Dennis Schröder. In tutte le voci statistiche legate all’impegno, OKC ha dominato: 58-36 nei punti in area, 21-4 in quelli da seconda opportunità, 34-8 in contropiede e 50-39 a rimbalzo di cui 17-4 in attacco, vincendo la terza partita nelle ultime dieci.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.