Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA, Houston-Golden State 112-108 gara-4: Harden supera Durant, pareggio Rockets

NBA

Un altro splendido duello realizzativo tra Harden (38 punti) e Durant (34) ma i Rockets la spuntano anche grazie ai 17 con 10 rimbalzi di un immenso P.J. Tucker e ai 20 di Eric Gordon. Golden State sbaglia due volte la tripla del pareggio sull'ultima azione

DURANT SUPERA I 4.000 PUNTI IN CARRIERA AI PLAYOFF

BOSTON A UN PASSO DALL'ELIMINAZIONE CON 39 DI ANTETOKOUNMPO

VIDEO.TUTTI GLI HIGHLIGHTS

PLAYOFF NBA, IL PUNTO SULLE SEMIFINALI DI CONFERENCE

Houston Rockets-Golden State Warriors 112-108

Golden State ancora una volta vince il primo quarto, come sempre fatto fin qui nella serie (+3 in gara-4) ma quando mette in campo la propria second unit soffre contro i Rockets, che piazzano un parziale di 36-26 nel secondo periodo che gli permette di andare all’intervallo con un buon margine, +7. Un distacco che nel terzo quarto addirittura sale a +17, il più grande di tutta la serata, grazie anche a 10 dei suoi 20 punti totali di un ispirato Eric Gordon, che bissa la sua ottima prestazione di gara-3. Golden State però reagisce con un 11-0 di parziale segnato da 5 punti consecutivi di Steph Curry, che riavvicinano gli Warriors prima che altrettanti punti di James Harden, gli ultimi dei Rockets nel quarto, non fissano il punteggio sul 93-84 per i texani con ancora dodici minuti da giocare. L’ultimo quarto inizia con un break di 8-2 dei padroni di casa, che si portano sul 101-86 provando a dare il colpo del ko già in avvio dell’ultimo periodo, ma ancora una volta la reazione dei campioni in carica non tarda da arrivare: a firmarla è un Draymond Green che chiude con 15 punti, 10 rimbalzi e 5 assist e che ne segna 6 nell’8-3 con cui Golden State resta a contatto. Steph Curry – che ancora una volta fa fatica a trovare la mira dalla distanza, chiude con 4/14 dall’arco – mette prima la tripla del -7 e poi dopo altri due punti di Green a 100 secondi dalla fine anche quella del -2 quando di secondi sul cronometro ne mancano solo 20, siglando il 7-0 di parziale che riapre completamente la gara e apparecchia la tavola per un grandissimo finale. James Harden, al solito immenso – capace di confezionare un duello bellissimo con Kevin Durant (13 punti del “Barba” nel terzo quarto, quando KD risponde con 16) – anche nel quarto si carica la squadra sulle spalle, prendendosi 11 tiri nell’ultimo periodo, segnandone tre e andando in lunetta per dei tiri liberi pesanti con gli Warriors a -2. Realizza uno solo dei due liberi a disposizione e lascia così 11 secondi agli ospiti per provare a impattare la gara: Kevin Durant ha un tiro da otto metri e mezzo comodo ma sbaglia e sul rimbalzo offensivo Steph Curry ha l’ultima chance per segnare da tre punti ma anche il suo tiro si spegne sul ferro. È un 1/2 in lunetta di Chris Paul a sancire la vittoria in gara-4 dei Rockets e il pareggio nella serie, al termine di un duello bellissimo.

Una serie in equilibrio, decidono i campioni

James Harden fa seguire ai 35 di gara-1, ai 29 di gara-2 e ai 41 di gara-3 una quarta partita ancora una volta da forza offensiva incontenibile, chiusa con 38 punti ma anche 10 rimbalzi, 4 assist e 2 stoppate. Gli risponde dall’altra parte il solito Kevin Durant, autore di 34 punti lui stesso, con 12/22 al tiro, conditi da 7 rimbalzi e 5 assist, diventando solo il decimo giocatore nella storia della lega a segnare 4.000 punti nei playoff. Si tratta della prima volta invece in cui – dopo 4 partite – due giocatori, uno per squadra, viaggiano entrambi ad almeno 35 punti di media. L’equilibrio tra Golden State e Houston, che già aveva portato a 7 gare nella finale di conference dello scorso anno, è evidente ancora di più nell’edizione dei playoff 2019: a oggi sono 448 i punti degli Warriors contro i 447 dei Rockets. Normale allora che a fare la differenza siano le piccole cose e magari anche i protagonisti non attesi: P.J. Tucker mette la firma su gara-4 con 17 punti e 10 rimbalzi e una serie di giocate determinanti sotto i tabelloni o sulle palle vaganti, Gordon fa seguire ai 30 di gara-3 un’altra prestazione da 20 punti e anche Austin Rivers tocca la doppia cifra con 10 più 6 rimbalzi in 33 minuti. Houston tira la bellezza di 50 triple, segnandone 17 (il 34%), mentre fanno peggio gli Warriors che pagano la mano fredda dall’arco dei loro “Splash Brothers” (Curry finisce comunque con 30 punti ma solo 4/14 dall’arco, fa ancora peggio Klay Thompson che realizza una sola delle sei triple tentate e chiude a quota 11). I Rockets hanno un leggero vantaggio dalla panchina (18-11 i punti) ma a sentire Draymond Green è soprattutto una questione di intensità: “Stanno facendo tutto quello che è necessario per vincere, mentre noi sembriamo soddisfatti di difenderci pugno dopo pugno, mentre facendo così ci stanno prendendo a sberle. Dobbiamo cambiare atteggiamento, io per primo”. Per gara-5 si torna alla Oracle Arena: quale migliore occasione per dimostrare una volta di più di essere i campioni in carica: nell'era Kerr Golden State si è trovata altre 4 volte in parità o sotto in una serie al meglio delle sette. E ha sempre finito per vincere. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.