Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA: Raptors-Bucks, che battaglia! Toronto passa dopo 2 OT e accorcia sul 2-1

NBA

Toronto vince gara-3, condanna Milwaukee alla prima sconfitta in trasferta dei playoff e accorcia sul 2-1 nella serie. Leonard segna 36 punti, di cui otto nel decisivo secondo overtime, mentre Antetokounmpo - uscito per falli nel finale - litiga con la partita e chiude con 12 punti, 23 rimbalzi e tanti errori al tiro

LEONARD DOMINA NONOSTANTE IL PROBLEMA ALLA GAMBA

LA PEGGIOR PARTITA AI PLAYOFF DI ANTETOKOUNMPO

VIDEO. TUTTI GLI HIGHLIGHTS

Toronto Raptors-Milwaukee Bucks 118-112 2OT

Toronto al terzo tentativo, quello di non ritorno visti i precendenti (0-135 il record delle squadre sotto 0-3 nella storia dei playoff NBA), ce l'ha fatta a battere i Bucks. Ci sono voluti ben 58 minuti di lotta e sacrificio - di cui 57 abbondanti passati a condurre il match - per avere la meglio contro Milwaukee, alla quinta trasferta in questi playoff e incappata soltanto adesso dopo un mese di post-season nella prima sconfitta lontano dal Wisconsin - 10-2 il record complessivo per la squadra più (con)vincente dei playoff. Merito dei 36 punti di Kawhi Leonard; otto dei quali arrivati nel decisivo secondo overtime, aperto da un canestro di George Hill (24 punti, miglior realizzatore dei Bucks in gara-3) che aveva riportato in vantaggio i ragazzi di coach Budenholzer 52 minuti dopo il bersaglio di Giannis Antetokounmpo che aveva aperto le ostilità. Un buon inizio che non completa il 50% dell'opera per il n°34 greco, che litiga con la partita, sbaglia tanto e chiude con 12 punti a referto con 5/16 al tiro, 0/3 dall'arco, 23 rimbalzi (massimo in carriera ai playoff), sette assist e sei falli commessi che gli hanno fatto concludere il match con quattro minuti abbondanti d'anticipo. "Non avevo mai detto né pensato che potesse essere facile battere i Raptors", racconta. E i fatti questa volta gli hanno tristemente dato ragione. La sua uscita obbligata dal parquet è il colpo di grazia per Milwaukee, che con il quintetto titolare non va oltre i cinque bersagli a testa del già citato Antetokounmpo e di Brook Lopez (16 punti con 3/7 dall'arco). Khris Middleton invece chiude addirittura in singola cifra: nove punti, 3/16 al tiro, ma un canestro pesantissimo a 2.2 secondi dal termine dei regolamentari che regala ai Bucks l'overtime. Sul finire del primo tempo supplementare invece Leonard si ferma soltanto sul ferro, costringendo Toronto a stringere i denti e lottare per altri cinque minuti prima di poter finalmente esultare e riportare la serie sul 2-1 Milwaukee.

La mossa Norman Powell e l’impatto del quintetto Raptors

Nick Nurse resta fedele a quanto detto alla vigilia del match, decidendo di non cambiare il quintetto che tanto aveva sofferto a Milwaukee, ma modifica in corso d'opera minutaggio e rotazione - concedendo spazio a Norman Powell ad esempio, una delle chiavi nel successo dei canadesi con i suoi 19 punti con 7/13 al tiro in 30 minuti in uscita dalla panchina. Pascal Siakam invece ne aggiunge 25 con 11 rimbalzi, tre recuperi e il solito contributo difensivo, anche se a lungo la paura che ha accompagnato il suo finale di gara era quella di essere stato decisivo, ma nel modo sbagliato. Il suo 0/2 dalla lunetta quando più contava al termine dei 48 minuti regolamentari ha infatti condannato lui e i suoi compagni a penare e soffrire un altro po’ sul parquet, prima che il solito salvifico intervento di Leonard non togliesse le castagne dal fuoco (oltre a una super stoppata dello stesso Siakam a 40 secondi dal termine del secondo supplementare): “Credo in me stesso e i miei compagni si fidano di me”, sottolinea a fine partita l’ex Spurs - senza andare oltre, per continuare a mantenere fede al suo personaggio - sorridente per una volta assieme a Marc Gasol dopo la sirena finale. Il lungo spagnolo chiude con 16 punti, 12 rimbalzi, sette assist e cinque stoppate una partita convincente e finalmente passata ad attaccare e non a subire le scelte e le mosse dei Bucks: “Quando si vince è sempre più facile andare a dormire dopo la partita”, commenta l’ex Grizzlies - ben consapevole che ai Raptors adesso servirà un altro colpo del genere per riaprire definitivamente i giochi.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.