Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Klay Thompson, niente selezione nei quintetti All-NBA: sfumano così 31 milioni

NBA

La selezione dei quintetti All-NBA cambia il destino contrattuale - e non solo il blasone – di tanti All-Star che, al momento di battere cassa, possono ritrovarsi con oltre 30 milioni di dollari in meno da poter chiedere: è quanto capitato al n°11 Warriors che lo ha scoperto davanti ai microfoni dei cronisti

ALL-NBA: I 15 GIOCATORI SELEZIONATI

ALL-NBA: LE SCELTE DELLA REDAZIONE DI SKY SPORT

Non poteva esserci modo peggiore per assaporare un destino così amaro. Klay Thompson ne è venuto a conoscenza soltanto grazie alle domande dei cronisti di San Francisco, assiepati nella palestra di allenamento degli Warriors a tartassare i campioni in carica che attendono di conoscere il nome della prossima avversaria. Il n°11 di Golden State, bloccato dal capannello di giornalisti, non è riuscito a nascondere – almeno nei primi secondi – il suo stupore: “Davvero non ci sono? Sono già stati pubblicati i nomi?”. Sì, e per lui niente terzo quintetto All-NBA. “Certo, ottenere un riconoscimento del genere è molto bello, ma non come conquistare cinque finali NBA in fila. Rispetto la decisione presa, ma quando un giocatore riesce a mettere in fila così tante partecipazioni alle Finals non può ricevere in cambio soltanto un paio di selezione tra i 15 migliori della Lega. È una squadra che resterà nella storia del gioco: a ogni modo, meglio vincere il titolo che un riconoscimento del genere”. In quanto a prestigio, difficile dargli torto, ma non di certo se si va a guardare il conto in banca. Per Thompson infatti la selezione all’interno di uno dei quintetti All-NBA avrebbe significato non solo ricevere un premio meritato per quanto fatto sul parquet, ma anche la possibilità di poter ambire a ricevere dal prossimo rinnovo contrattuale oltre 30 milioni di dollari in più. Il quinquennale che Golden State può mettere sul piatto arriverà al massimo a toccare circa i 190 milioni, ben al di sotto dei 221 potenziali previsti per chi riesce nell’anno precedente all’accordo a rientrare in uno dei quintetti All-NBA. Per ulteriori informazioni chiedere a Kemba Walker (e agli Hornets, felici di questa selezione): il n°15 di Charlotte ha sottratto il posto proprio a Thompson e grazie a questa chiamata dovrà decidere in estate se incassare i 221 milioni della squadra di Michael Jordan o (al massimo) i 141 milioni per quattro anni che potrebbe ricevere da qualche altra parte. Ben 80 milioni di differenza, quelli che possono rendere in un colpo solo molto più bello e accogliente il North Carolina. A quel punto perché andare via?

Sorridono anche Gobert e Antetokounmpo, Towns e Beal restano fuori dal supermax

Una delle discriminanti per puntare al 35% del cap nel caso di rinnovo contrattuale infatti è la selezione all’interno di uno dei quintetti All-NBA nell’anno del rinnovo (o nei due precedenti). Insomma, un colpo non da poco che ha coinvolto non solo Thompson e Walker, ma anche altri giocatori della Lega. Damian Lillard ad esempio, già in trattativa avanzata con i Blazers che potranno così estendere il suo contratto – che partirà soltanto dal 2021 – per altre quattro stagioni a 191 milioni di dollari. Cifre vertiginose che convengono a entrambe le parti, visto che Portland può così aumentare la sua leva economica e convincere a suon di verdoni il proprio All-Star. O per Giannis Antetokounmpo, che anche qualora non dovesse vincere il premio di MVP (improbabile, ma non si sa mai), con le tre selezioni nei quintetti All-NBA può ambire sin da ora a sottoscrivere un’estensione che lo porterebbe a sottoscrivere l’accordo più ricco della storia della Lega: 247.3 milioni di dollari per cinque anni dal 2020, con un’ultima stagione di contratto da 56.3 milioni. L’altro grande “vincitore” di questa selezione è Rudy Gobert: anche lui la prossima estate potrà puntare ai 247 milioni di dollari. Chi invece resta senza un bel po’ di verdoni è Karl-Anthony Towns, che a causa della mancata selezione garantirà ai T’wolves un risparmio (in caso di massimo salariale) da 32 milioni di dollari. Discorso simile per Bradley Beal, ma essendo 15 i posti a disposizione e così tanti gli All-Star in lizza per accordi da massimo salariale, qualcuno doveva inevitabilmente restare fuori.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.