Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Finals 2019, gara-3: Kevin Durant ancora fuori, Klay Thompson probabilmente in campo

NBA

Mauro Bevacqua

Arriva il bollettino medico dei campioni NBA in carica: migliora Durant ma resta ancora fuori, Thompson vuole esserci a tutti costi ("Anche all'80% penso di poter contribuire), in campo sicuramente Iguodala così come sicuramente fuori fino a fine stagione Kevon Looney

LA BOX-AND-ONE DI COACH NURSE SORPRENDE E DIVERTE

WARRIORS, IL SOGNO DI MCKINNIE E DEL SUO AMICO "ITALIANO"

OAKLAND — Steve Kerr si presenta in conferenza stampa e va dritto al punto, senza giri di parole: “Kevin [Durant] non giocherà gara-3, ma sta incrementando sempre di più la sua routine di lavoro in allenamento. Klay è day-to-day, per cui la sua presenza è ancora incerta. Loon[ey] invece è fuori per tutto il resto della serie”. Dimentica Andre Iguodala, ma a domanda risponde: “Andre è OK, gioca. Si è allenato regolarmente”. Eccoli i Golden State Warriors incerottati chiamati a scendere in campo mercoledì notte sull’1-1, per una partita che potrebbe anche indirizzare la serie. Ancora senza il loro MVP delle ultime due finali NBA: “Si allenerà più tardi al nostro centro di allenamento, non qui [gli Warriors sono alla Oracle Arena per il consueto appuntamento con la stampa, ndr]. Qui facciamo solo video e qualche trattamento ma poi nel pomeriggio si allenerà un po’. Per domani ripeto è fuori, ma sta migliorando”. Come a dire: non è  impossibile (tutt’altro) pensare a un Kevin Durant in campo in gara-4, venerdì notte, sfruttando quindi altri tre giorni —mercoledì, giovedì, venerdì — di recupero, trattamenti, riposo. Lo dice lo stesso Steve Kerr, nell’esprimere il suo rammarico per la perdita (quella sì, definitiva) di Kevon Looney per la serie: “Abbiamo buone speranze che Klay [Thompson] e KD prima o poi possano scendere in campo”. Già, Klay Thompson. Alle prese con un guaio muscolare al bicipite femorale sinistro, in California tiene banco anche lo status medico del n°11 di Golden State: “Mi ha detto che si sente bene, molto meglio di domenica — dice ancora Kerr — e che pensa di poter essere pronto a scendere in campo. Ma l’ho detto anche l’altra sera: Klay dice sempre di poter giocare, in qualsiasi condizione. Sta a noi stabilire se farlo scendere in campo potrebbe rivelarsi un rischio oppure no. Se gioca, cosa rischia? Se i trainer saranno convinti che non rischia di peggiorare la situazione, allora giocherà; ma se sentiamo che il rischio c’è, allora preferiremmo dargli un altro paio di giorni per recuperare completamente e averlo a disposizione per gara-4”. Un’ipotesi che il diretto interessato — come da copione — preferirebbe evitare. “La decisione arriverà al momento di scendere in campo ma fosse per me ovviamente sarei in campo, non riesco a immaginare di poter saltare una partita [sempre titolare in tutte le sue 120 partite di playoff in carriera, ndr]. Farò tutto il possibile, tutto quello che è nelle mie capacità per esserci, ma alla fine la decisione sarà nelle mani dello staff medico: ovvio che non posso correre il rischio di mettere a repentaglio la mia partecipazione nel resto della serie ma se anche dovessi essere non al 100% ma solo all’80% anche in quelle condizioni mi sento di poter comunque essere pericoloso in campo e di poter aiutare la mia squadra a vincere”.

Thompson: “Sento male sugli arresti e sui tagli, ma non sempre”

Quando tocca a lui affrontare i giornalisti e raccontare le sue condizioni, Klay Thompson non risparmia dettagli: “Il livello di dolore non è assurdo, va sicuramente molto meglio ora di domenica sera. I miglioramenti fatti in questi due giorni sono stati molto incoraggianti, se dovessi continuare a progredire mi aspetto di giocare”. Meglio di domenica sera, nel post-partita, meglio (nettamente) anche del post gara-1 dello scorso anno, quando Thompson aveva dovuto fare i conti con una caviglia gonfissima: “Sì, l’anno scorso era molto peggio — conferma — meglio. Certo, gli infortuni non sono mai divertenti ma testano il tuo carattere, impari a giocare con il dolore e questo alla fine ti fa apprezzare di più le vittorie finali. Sarà un cliché ma alla fine di questa serie abbiamo dei mesi interi per riposare: odio dover vedere da fuori partite come queste”. Certo però le condizioni non sono ottimali: “Mi fa male soprattutto quando mi arresto sullo stretto e quando taglio con decisione verso canestro, sullo sprint. Se sentissi dolore sempre non sarebbe un buon segno, ma non è questo il caso, il che è incoraggiante. Sento del fastidio solo su determinati movimenti, ovvio che un po’ di rischio ci sia ma sono le finali NBA, per come la vedo io sono disposto a rischiare. Gli infortuni fanno parte del nostro mestiere, ogni partita siamo potenzialmente a rischio. Lo ripeto: i progressi fatti mi lasciano ben sperare, a meno che qualcosa non sia proprio rotto a livello muscolare resto sempre fiducioso di potercela fare”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.