Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
16 giugno 2019

NBA, clamorosa trade Pelicans-Lakers: Anthony Davis raggiunge LeBron a Los Angeles

print-icon

I Los Angeles Lakers hanno raggiunto un accordo per il passaggio di Anthony Davis dai New Orleans Pelicans in cambio di Lonzo Ball, Brandon Ingram, Josh Hart e tre prime scelte future, tra cui la quarta assoluta del Draft di giovedì

LEBRON ACCOGLIE AD E PROMETTE: "È SOLO L'INIZIO"

LE REAZIONI DI MAGIC JOHNSON E DEL MONDO NBA

PARTE LA CACCIA ALLA TERZA STELLA: OBIETTIVO KEMBA WALKER

LA MALEDIZIONE DI LAVAR: "I LAKERS NON VINCERANNO MAI PIU'"

Una notizia non certo inaspettata ma non per questo meno clamorosa ha scosso la NBA. Come anticipato dal solito Adrian Wojnarowski, giornalista di ESPN, i New Orleans Pelicans e i Los Angeles Lakers hanno concluso un accordo per uno scambio che vede la superstar dei Pels Anthony Davis passare a Los Angeles in cambio di Lonzo Ball, Brandon Ingram, Josh Hart e tre prime scelte, tra cui la numero 4 del prossimo Draft. Tra neppure una settimana, quindi, i Pelicans si presenteranno al Draft 2019 con due delle prime quattro scelte, la numero 1 (ottenuta alla Lottery) e la numero 4 (ottenuta invece dallo scambio con L.A.). Con la numero 1 è opinione comune che New Orleans finirà per prendere Zion Williamson, e cui con lui, Ball, Ingram e Hart ad aggiungersi a Jrue Holiday ed eventualmente Julius Randle (che ha una player option da utiilizzare) i Pelicans non solo hanno un roster giovane e intrigrante, fatto di giocatori intercambiabili e adatti a giocare più ruoli ma anche la possibilità salariale di aggiungere ulteriori pezzi al roster, sia sfruttando spazio salariale a disposizione che invece utilizzando la scelta n°4 e magari qualche altro asset per successive trade con altre squadre interessate. Le due point guard Darius Garland e Coby White ad esempio sembrano essere sul taccuino di diverse franchigie e New Orleans potrebbe quindi permettere a tali squadre di mettere le mani sul loro obiettivo al Draft cedendo la n°4 in cambio agli asset che David Griffin riterrà più opportuni (magari un veterano pronto a contribuire già da subito). Diverso - ma altrettanto affascinante - il discorso relativo invece ai Lakers. Ovviamente LeBron James ottiene finalmente quella seconda superstar tanto attesa, già reclamata alla trade deadline dello scorso febbraio, ma a L.A. si guarda già avanti, ovvero alla possibltià di aggiungere un terzo free agent di peso sfruttando i 27/32.5 milioni di dollari ancora a disposizione. La differenza sulla cifra che i Lakers possono mettere sul piatto dipende dalla data in cui la trade con i Pelicans verrà ratificata, ma entrambe le squadre (che potrebbero chiuderla già a partire dal 6 luglio) hanno interesse ad aspettare il 30 del mese, attesa che permetterebbe appunto ai gialloviola di avere 32.5 milioni a disposizione e a New Orleans di poter contare su 19 (e non 15). Nell'equazione va inserito anche il bonus di 4 milioni di dollari a disposizione di Anthony Davis, che se esercitato ridurrebbe ulteriormente lo spazio di manovra di L.A. ma a cui il giocatore invece potrebbe scegliere di rinunciare in accordo con la franchigia. 

Il prezzo pagato dai Lakers

Ovvio però che il prezzo pagato da L.A. per arrivare a Davis è di certo significativo: proteggendo il solo Kyle Kuzma del nucleo di giovani sviluppato negli anni - e cedendo anche tre scelte e un diritto di scambio: la n°4 al Draft 2019, la prima scelta 2021 (protetta 8, altrimenti non protetta nel 2022), uno scambio di scelte nel 2023 e la prima scelta non protetta del 2024 o del 2025, a discrezione dei Pelicans - i Lakers si ritrovano con un roster da inventare attorno a LeBron James, Anthony Davis ed eventualmente a un terzo giocatore di ottimo livello (si parla molto di Kemba Walker come dell'obiettivo principale dei Lakers); lo spazio salariale residuo per completare il roster potrebbe però risultare molto ridotto, costringendo quindi Pelinka & Co. a una serie di contratti con giocatori di ruolo o veterani a fine carriera, magari ingolositi dalla possibilità di inseguire un titolo insieme a "King" James e compagni. Come riportato nelle ultime ore, sulle piste di Anthony Davis non c'erano solo i Lakers ma erano attivamente coinvolti anche i Boston Celtics, che però sembra abbiano abbandontato definitivamente il tavolo delle trattative quando i Pelicans hanno fatto sapere di volere il nome di Jayson Tatum incluso nella contropartita di un eventuale scambio. 

Hai già aggiunto Sky Sport ai tuoi contatti Whatsapp?

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi