Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Jimmy Butler-TJ Warren: testa a testa, applausi ed espulsione. VIDEO

NBA

Terzo quarto di grande nervosismo e tensione nella sfida vinta da Miami a Indianapolis: protagonisti l'ex All-Star dei Sixers e il giocatore dei Pacers, accusato da Butler a fine partita di essere soltanto un "frustrato che non sa difendere". Prima il faccia a faccia, la rissa sfiorata e poi l'epilogo: l'applauso di Warren dopo il fallo conquistato costa l'espulsione, salutata con baci e saluti dal n°20 degli Heat

Una vittoria da grande squadra quella conquistata da Miami, con il solito contributo da parte di tutto il gruppo e ben sette giocatori in doppia cifra. Merito della predisposizione di titolari e riserve, a partire da Jimmy Butler che in questa regular season spesso e volentieri sta lasciando spazio ai suoi giovani compagni. È lui il protagonista dello scontro più caldo del match contro i Pacers, spazientito dall’atteggiamento di TJ Warren nei suoi confronti tanto da affrontarlo faccia a faccia nel terzo quarto. Nervosismo venuto fuori anche poco dopo, quando nello scontro sul parquet contro il giocatore di Indiana gli viene fischiato un fallo in attacco: una vittoria per Warren, che nell’esultare inizia ad applaudire ironicamente alle sue spalle, inducendo a quel punto gli arbitri a fischiare contro di lui e spedirlo con quasi 20 minuti d’anticipo negli spogliatoi: “Credo che sia molto frustrante per lui rendersi conto del fatto che io posso marcarlo e contenere i suoi attacchi, mentre lui non può pensare di frenarmi. A un certo punto però devi trattenerti e non puoi permetterti di dire str****te. Ci vediamo la prossima volta [sfida a marzo in regular season tra Pacers e Heat, ndr] perché mi ha mancato di rispetto”. Warren non ha replicato ai microfoni, evitando ogni domanda su quanto accaduto sul parquet, mentre Butler ha chiosato: “È soft in difesa, non tiene a livello fisico. Non è neanche paragonabile a me, giochiamo su due livelli completamente diversi. Se fossi il loro allenatore, eviterei di chiedergli di marcarmi: fa schifo”. Un messaggio chiaro, come il suo post su Instagram: cerchiato in rosso il 20 marzo, la data del prossimo incrocio sul parquet che a questo punto acquista un significato che va ben oltre quello tecnico tra due squadre da playoff.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche