Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, canestro, recupero e assist in tuffo: TJ McConnell al suo meglio. VIDEO

NBA

Anche un giocatore che resta in campo solo 14 minuti e chiude con 4 punti può risultare decisivo: dimostra TJ McConnell, la cui doppia giocata di energia a inizio del quarto quarto lancia i suoi Indiana Pacers all'importante vittoria su Philadelphia. Riviviamola con la voce di Flavio Tranquillo

Nella bella vittoria contro Philadelphia il miglior marcatore dei Pacers è Malcolm Brogdon, autore di 21 punti. Il miglior rimbalzista è il solito Domantas Sabonis, con 16 palloni catturati, ben 6 in attacco. Il migliore dalla panchina è Justin Holiday, che in 28 minuti segna 14 punti con 4/6 da tre. Un occhio al tabellino e il nome di TJ McConnell forse non lo si nota neppure: 14 minuti in campo per l’ex di serata, che in Pennsylvania ha giocato tanto a livello liceale che universitario (i primi due anni a Duquesne, prima di trasfersi ad Arizona) e poi per i suoi primi quattro anni nella NBA ha indossato la canotta dei Sixers. Ma una singola giocata, all’inizio dell’ultimo quarto, con la gara in sostanziale parità, dice tutto dell’enorme cuore della point guard di riserva di coach Nate McMillan, che di McConnell infatti dice: “È come un’iniezione: entra in campo e cambia il ritmo della gara. Con lui giochiamo più veloci, e soprattutto siamo su ogni pallone”. Anche quelli che spetterebbero agli avversari. McConnell infatti ha appena segnato in entrata un canestro acrobatico, finendo per terra sulla linea di fondo. Al Horford fa la rimessa e affida il pallone nelle mani di Raul Neto: la point guard di Philadelphia è convinto di poter palleggiare in tranquillità verso la metà campo offensiva, ma non fa i conti con McConnell. Il n°9 dei Pacers recupera da dietro a tutta velocità, gli strappa il pallone, palleggia verso il canestro perdendo quasi il possesso per via di un intervento da dietro di Matisse Thibulle e allora in tuffo schiaffeggia quel tanto la palla per fornire un assist (ancora da terra) a Justin Holiday, che schiaccia e porta Indiana sul +3. Voilà, neppure 10 secondi, e quattro punti dopo, e i Pacers da -1 vanno sul +3, prendendosi l’inerzia della gara e mettendo così le mani sulla sfida contro i Sixers. “Prendo il mio lavoro molto seriamente – dice McConnell – e il mio obiettivo è uno solo: lavorare più duro di qualsiasi altro giocatore. L’ho fatto per tutta la mia carriera”. E non ha ancora smesso. 

NBA: SCELTI PER TE