Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Steve Kerr: “D’Angelo Russell si adattava male a noi. Wiggins? Non farà la stella”

NBA
©Getty

Steve Kerr ha commentato lo scambio che ha portato D’Angelo Russell ai Minnesota Timberwolves, ottenendo in cambio Andrew Wiggins: “Fin da quando lo abbiamo firmato c’erano dubbi sull’adattabilità di D’Angelo alla nostra squadra. Minnesota chiedeva a Wiggins di essere una stella, noi le abbiamo già: la differenza è enorme”

In casa Golden State Warriors è periodo di cambiamenti: addio D’Angelo Russell, benvenuto Andrew Wiggins. A fare ordine su quanto successo negli ultimi convulsi giorni di mercato – in cui sono partiti anche Alec Burks e Glenn Robinson III verso Philadelphia e Omari Spellman e Jacob Evans a Minnesota – è stato coach Steve Kerr, che ha parlato con grande sincerità della decisione di salutare Russell: “Se posso essere completamente sincero, fin da quando lo abbiamo firmato c’erano dubbi sul suo adattamento alla nostra squadra. Nessuno lo poteva mettere in dubbio: quando hai due come Steph Curry e Klay Thompson e aggiungi una guardia che domina il pallone, è giusto farsi delle domande. È uno dei motivi per cui le voci su uno scambio sono cominciate prima ancora di vederlo in campo, e penso che D’Angelo lo capisse quando ha firmato il contratto – così come la nostra organizzazione”. Insomma, quello tra gli Warriors e Russell è sempre stato un matrimonio di convenienza, permettendo al giocatore di avere un contratto al massimo salariale e alla franchigia di non perdere a zero uno come Kevin Durant, per il quale era stata organizzata una sign-and-trade. “Se non altro abbiamo avuto 50 partite per vedere se poteva funzionare” ha continuato Kerr. “Purtroppo le cose sono andate male quando Steph si è infortunato, ma abbiamo avuto il tempo di vedere come si sarebbe potuto inserire a livello di posizioni. E per noi aveva senso andare in un’altra direzione”.

Le aspettative ridotte su Wiggins: "Non gli chiediamo di essere una stella"

Una direzione che si chiama Andrew Wiggins, che lo stesso Kerr ha definito come “un fit posizionale migliore rispetto a Russell”. “Per la maggior parte dei giocatori, questa lega è una questione di fit: solo i migliori possono andare ovunque e avere successo in qualsiasi situazione. A Minnesota chiedevano a Wiggins di essere una stella, ma qui noi le abbiamo già in Steph, Klay e Draymond: non abbiamo bisogno che sia una stella. La differenza è enorme. Quando si ricopre un ruolo del genere, bisogna avere energia ogni sera più che mettere su numeri. È più che capace di farli, ma quello di cui abbiamo bisogno è energia, impegno difensivo e corsa in campo aperto”. Wiggins prenderà subito la posizione di ala piccola titolare, riempendo una posizione rimasta vacante dopo gli addii di Durant, Andre Iguodala e Shaun Livingston, come ammesso dallo stesso Kerr. “Le nostre altre tre stelle giocano in posizioni diversa dalla sua e si troverà molto bene a giocare con loro. Andrew ha 24 anni, è ancora molto giovane, ma c’è ancora tanto lavoro davanti a noi, questo è fuori discussione. Vedremo se potrà giocare subito: è molto carico di essere qui e speriamo di poterlo schierare subito”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche