Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Miami ritira la maglia di Dwyane Wade, lui cita Kobe: "Spero di avervi ispirato"

NBA

I Miami Heat hanno ritirato la maglia numero 3 di Dwyane Wade, evento clou di un weekend interamente dedicato al giocatore più importante nella storia della franchigia. “Sono grato a tutti quanti, questo è il punto finale della mia carriera da giocatore — da lunedì sarò una persona diversa. Speso di avervi ispirato come Kobe avrebbe voluto”

Dopo il suo ritiro dello scorso anno, Dwyane Wade non era mai più tornato all’AmericanAirlines Arena di Miami — aggiungendo ancora più pathos alla cerimonia del ritiro della sua maglia numero 3. Con la partita contro i Cleveland Cavaliers già risolta a metà partita (82 i punti segnati all’intervallo, record nella storia della franchigia), il presidente degli Heat Pat Riley ha preso il centro del campo per introdurre un giocatore unico: "Dwyane Wade non ha mai voluto essere considerato in nessun altro modo che non fosse il migliore" ha detto Riley. "Voleva essere unico, diverso da tutti gli altri. E ci è riuscito. Ci è riuscito più di chiunque altro in questa città e in questa franchigia, ispirando tutti quelli che un giorno vorranno diventare come lui, seguendo le impronte che ha lasciato". Riley ha poi chiesto alla moglie di Wade, Gabrielle Union, di issare la gigantesca maglia numero 3 che si unisce a quelle di Alonzo Mourning, Tim Hardaway, Shaquille O’Neal e Chris Bosh, diventando la quinta nella storia della franchigia (a cui si aggiunge la 23 ritirata per rispetto a Michael Jordan). A quel punto Wade ha cominciato un discorso durato 20 minuti, durante il quale ha ringraziato tantissime persone — dalla sua famiglia ai suoi ex allenatori fino a passare ai compagni di squadra, il suo agente, la famiglia Arison proprietaria degli Heat e lo stesso Riley. Poi ha concluso il suo discorso citando il suo grande amico Kobe Bryant: "Prendendo in prestito le parole di uno dei più grandi di sempre: la cosa più importante è cercare di ispirare gli altri a diventare grandi in qualsiasi cosa scelgano di fare. Spero di avervi ispirati tutti. Grazie di avermi reso parte della vostra eredità: sappiate che voi siete una parte enorme della mia".

Wade: "Provo gratitudine, ma da lunedì sarò una persona diversa"

Wade è entrato in campo tra il primo e il secondo quarto della partita direttamente dal tunnel degli spogliatoi dove solitamente usciva per scendere in campo, provocando l’ovazione dell’intera arena addobbata a festa con maglie, gadget e oggetti di tutti i tipi rigorosamente griffati Wade. Sui seggiolini della parte bassa degli spalti erano state disposte delle maglie di colore diverso in modo da formare la scritta “MH3” (Miami Heat 3) in giallo su sfondo rosso, un ricordo che i fortunati si potranno portare a casa per il resto della loro vita. “Il mio discorso è venuto naturalmente nel corso del tempo: ho pensato molto a quello che avrei voluto dire. Ovviamente avrei potuto continuare per un’ora, ma c’erano certe persone a cui volevo far sapere quanto sono state importanti per arrivare fino a questo momento” ha detto in conferenza stampa. “Spero di aver reso tutti orgogliosi della persona che sono diventato. Ma ci tengo anche a dire che se sono il volto di questo mondo, allora mi considero il volto dell’imperfezione — del ricadere e del rialzarsi sempre. Voglio che questo sia il mio messaggio ai ragazzini”. In una serata in cui si sono susseguiti i video-messaggi dei suoi più grandi amici, da Carmelo Anthony a Chris Paul fino a LeBron James, Wade ha ammesso che questo weekend — che si concluderà domani con la “prima” del suo documentario “D. Wade: Life Unexpected” — rappresenta un punto conclusivo per la sua carriera nel basket. “Ora devo mettermi alle spalle tutto questo e concentrarmi sulla prossima parte della mia vita. Da lunedì mattina cercherò di essere una persona nuova. Il Dwyane Wade cestista appartiene a un altro momento. Devo andare avanti e scoprire quale sarà la mia prossima tappa”. Dovendo scegliere una sola parola per descrivere la sua carriera, il numero 3 non ha dubbi: "Gratitudine. Sono estremamente grato in questo momento, provo una pace incredibile. Ringrazio davvero tutti quanti".

NBA: SCELTI PER TE