Please select your default edition
Your default site has been set

Coronavirus: Mike D’Antoni in panchina alla ripresa della stagione, nonostante l'età

coronavirus
©Getty
SAN ANTONIO, TX - DECEMBER 3: Head Coach 
Mike D'Antoni of the Houston Rockets smiles against the San Antonio Spurs on December 3, 2019 at the AT&T Center in San Antonio, Texas. NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and or using this photograph, user is consenting to the terms and conditions of the Getty Images License Agreement. Mandatory Copyright Notice: Copyright 2019 NBAE (Photos by Darren Carroll/NBAE via Getty Images)

L’allenatore degli Houston Rockets ha spiegato che non avrà problemi a tornare a bordocampo qualora si decida di ripartire con la stagione NBA, nonostante i rischi maggiori corsi dagli over 65 che contraggono il coronavirus

CORONAVIRUS: AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Il giorno del compleanno spesso è il meno appropriato per professare la propria giovinezza, ma all’alba dei suoi 69 anni compiuti oggi, Mike D’Antoni non vuole certo mollare la sua panchina NBA a causa dell’età. Il coach dei Rockets è secondo per anzianità soltanto a Gregg Popovich - che ne ha 71 - ed entrambi sono stati al centro del dibattito nei giorni scorsi riguardo la possibilità di restare lontano dal parquet qualora si ritorni a giocare. Il coronavirus infatti sta dimostrando la sua letalità soprattutto quando attacca gli anziani e le persone al di sopra dei 65 anni: problematica che, stando a quanto riportato da ESPN, è già diventata argomento di discussione per diversi GM della lega. I Rockets però tuttavia lasciano filtrare che D’Antoni non ha mi preso neanche in considerazione l’ipotesi di fare un passo indietro nei prossimi mesi, motivato a restare sulla panchina di Houston in caso di ripartenza, “perché convinto del fatto che, qualora Adam Silver decida di tornare in campo, la NBA sarà in grado di garantire la sicurezza necessaria a tutti i componenti delle squadre coinvolti”. L’ex allenatore dell’Olimpia Milano al momento si è rifugiato in casa a Houston - in quarantena più o meno forzata come gran parte dei cittadini del mondo in queste settimane - ed è pronto in un eventuale rush finale a inseguire le sue prime Finals NBA: “I Rockets sono una contender per il titolo, siamo pronti a dare battaglia fino alla fine”. Nonostante l'età.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche