Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Charles Barkley: “Il mio titolo con Houston non avrebbe avuto valore”

la polemica
©Getty

L’Hall of Famer, diventato uno dei più ascoltati e discussioni opinionisti NBA, è ritornato a discutere di una vecchia questione: il “peso” di un titolo vinto grazie al passaggio in una grande squadre assieme ad altri All-Star. “Con un successo ai Rockets non mi sarei ritenuto un campione”. Un messaggio per KD?

Vincere un titolo NBA è una gioia e una soddisfazione immensa, a prescindere dal modo in cui si raggiunge quel risultato. E fa sorridere secondo alcuni che a parlarne e a giudicarne il peso sia chi, nonostante una grande carriera, non sia riuscito a conquistare neanche un anello. Charles Barkley è tornato a parlare - e a fare polemica - ospite di Zach Lowe durante il quale è ritornato a raccontare alcuni passaggi cruciali della sua carriera. Uno in particolare - le stagioni ai Rockets al fianco di Hakeem Olajuwon e Clyde Drexler (e poi anche di Scottie Pippen) - è quello che ha colpito molti, visto che lo stesso Barkley ha detto che un successo in quel contesto avrebbe avuto un peso relativo: “Anche qualora avessimo vinto, non avrei considerato quel titolo. Non sto dicendo una bugia. Io e Karl Malone lo sappiamo bene: se lui avesse vinto con i Lakers nel 2004, non sarebbe stato un titolo NBA che avrebbe avuto un peso. Non avrebbe significato nulla”. Sì, tutti state pensando alla stessa cosa: la favola della volpe e dell’uva, la mancata consolazione per chi non riesce a raggiungere un traguardo e allora punta a denigrare chi ottiene quel risultato. Il riferimento infatti ancora una volta è finito su Kevin Durant e la sua decisione di passare agli Warriors: “Non sarà mai d’accordo con una scelta di quel tipo: quando io chiesi ai miei tempi di essere scambiato, non feci mai accenno all’idea di voler andare ai Bulls, ai Celtics o ai Lakers. Cercavo soltanto una squadra che mi permettesse di avere delle opportunità di competere ad alto livello”. L’idea insomma è quella di additare come sbagliata la volontà da parte di KD di scegliere appositamente gli Warriors - reduci da una regular season da 73 vittorie: una squadra già forte e completa senza Durant. Una scelta che avrebbe tolto peso, valore e senso ai successi dell’ex n°35 di Golden State. A dirlo però è soltanto chi un’anello NBA in realtà non lo ha mai vinto.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche