Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Barkley: "Nowitzki è la più forte ala di sempre. E io provai a mandarlo a Auburn..."

NBA
©Getty

Divertentissimo aneddoto raccontato da "Sir Charles" sul suo primo incontro con il futuro fuoriclasse tedesco: "Non lo conosceva nessuno, ci segnò 52 punti e aveva solo 18 anni: 'Ti mando a Auburn', gli dissi, ma mi rispose che doveva fare il militare"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Da campione a campione, l’ammirazione di Charles Barkley per un giocatore come Dirk Nowitzki non è una novità: “Penso sia la più forte ala di tutti i tempi, lo penso sul serio, un giocatore che finirà dritto nella Hall of Fame”, ha detto l’ex superstar di Sixers, Suns e Rockets — oggi commentatore tv — della leggenda dei Mavericks. Raccontando anche un divertentissimo aneddoto della prima volta in cui si è ritrovato in campo con il giovanissimo — e a lui sconosciuto — tedesco: “Nike [sponsor tecnico di entrambi, ndr] ci portava in giro per il mondo in questi tour promozionali, e un anno ci mandò in Germania. Ero insieme a Scottie Pippen, al tempo probabilmente il miglior difensore del mondo. Eravamo un bel gruppo di giocatori NBA, otto, forse dieci. Arriviamo in Germania e vedo questo ragazzotto alto e dinoccolato, non avevo idea di chi fosse. All’intervallo Dirk ha già 30 punti, o qualcosa del genere — 27, 28… — ci stava facendo a pezzi. Non mi ricordo che fossero i nostri lunghi, forse Elden Campbell [ex Lakers, ndr]. Per cui Scottie [Pippen] dice: ‘OK, lo prendo io. Nel secondo tempo ci penso io a fermarlo’. Ma Dirk finisce con qualcosa come 52 punti, al che vado da Scottie e gli dico: ‘Ma chi è questo?’. Non ne aveva idea neppure lui”.

Nowitzki e una carriera sfumata a Auburn

“Così vado da Dirk — continua il racconto di Barkley — e iniziamo a parlare, lui con questo forte accento tedesco. ‘Quanti anni hai?’. ‘18’, mi risponde lui. ‘Andrai al college l’anno prossimo?’. E lui pronto: ‘Non posso, devo fare il servizio militare’. ‘Ehi, non farai nessun militare, tanto coi tuoi 213 centimetri mica puoi nasconderti in una trincea’, gli dissi. ‘Dovresti andare a Auburn [l’alma mater di Barkley, ndr], non importa quanto finirà per costarti, pago io. Dammi il tuo numero, ti metto in contatto con qualcuno dell’università: andrai a Auburn’. Era estate ma l’anno dopo Dallas finì per scegliere Nowitzki al Draft e così lui a Auburn non ci andò mai. È per questo che odio i Mavericks, per non aver permesso a un talento come Dirk di andare a Auburn”, chiude scherzando Barkley.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche