Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, gli Hornets di Michael Jordan lasciano CPI Security dopo i commenti razzisti del CEO

george floyd
©Getty
CHARLOTTE, NC - MAY 21:  Charlotte Bobcats owner Michael Jordan announces the team name change to the Charlotte Hornets at the Time Warner Cable Arena on May 21, 2013 in Charlotte, North Carolina.  NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and or using this photograph, User is consenting to the terms and conditions of the Getty Images License Agreement.  Mandatory Copyright Notice:  Copyright 2013 NBAE (Photo by Kent Smith/NBAE via Getty Images)

Gli Charlotte Hornets di Michael Jordan hanno seguito i Knight e i Panters interrompendo i rapporti con l’azienda di vigilanza CPI Security a seguito dei commenti razzisti del CEO sulle proteste per la morte di George Floyd. “I pensieri del nostro chairman sono stati molto chiari” ha scritto la franchigia sui social

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Dopo gli Charlotte Knights di baseball e i Carolina Panthers di NFL, anche gli Charlotte Hornets hanno deciso di interrompere la partnership con CPI Security, azienda locale che forniva i sistemi di sicurezza e di videosorveglianza delle squadre. La decisione arriva a seguito dei commenti razzisti del CEO di CPI Security, Ken Gill: un’associazione no-profit della zona, la Queen City Unity, aveva mandato una mail a tutte le aziende della zona chiedendo di agire in risposta alle morti di persone di colore come George Floyd da parte della polizia di Minneapolis. “Per favore, usate il vostro tempo in maniera più produttiva” ha risposto Gill in una mail poi pubblicata su Facebook dal leader di Queen City Unity, Jorge Millares. “Un uso migliore del vostro tempo sarebbe concentrarsi sui crimini dei neri contro i neri e le insensate uccisioni dei nostri giovani da parte di altri giovani”. Gill si è poi scusato per i suoi commenti sostenendo di essere contro ogni razzismo e discriminazione, ma il danno è stato irreparabile: oltre alle tre squadre professioniste, anche le università di NC State e South Carolina hanno annunciato di aver interrotto i loro rapporti con CPI Security. La società che controlla gli Hornets e presieduta da Michael Jordan ha scritto un comunicato per annunciare la decisione: “Il nostro chairman [MJ, ndr] è stato molto chiari nei suoi pensieri sulle questioni di uguaglianza razziale, giustizia sociale e diversità. La Hornets Sports & Entertainment condivide questi valori. Come risultato, crediamo sia appropriato concludere la nostra partnership con CPI. Abbiamo reso noto la nostra decisione al CEO Ken Gill. Tutta la nostra organizzazione dalla proprietà ai giocatori fino allo staff è totalmente impegnata a migliorare l’uguaglianza razziale, la giustizia sociale, la diversità e l’accesso all’educazione all’interno della nostra comunità”.

NBA: SCELTI PER TE