Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, LeBron James: perché potrebbe (dovrebbe?) essere lui l'MVP 2020

NBA
©Getty

Nessuno, giunto alla 17^ stagione nella lega, è mai stato così dominante nella storia della NBA. Le sue cifre sono uniche, e i Lakers viaggiano in testa alla Western Conference: "Perché le ho sentite anch'io le voci che dicevano che fossi forte solo perché giocavo a Est...", chiosa "King" James

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Le prime parole nella bolla di LeBron James non hanno trascurato un tema che tiene banco tra appassionati e tifosi di tutto il mondo: a chi andrà il premio di MVP 2019-20? La lega ha fatto sapere che le gare disputate a Orlando non conteranno per l’assegnazione dei premi stagionali, per cui ogni votante ha già a disposizione tutte le informazioni necessarie per esprimere la propria preferenza. E i nomi sono due, non si scappa: quello di Giannis Antetokounmpo e quello di LeBron James. Che al riguardo ha detto: “Penso di aver dimostrato quello che so fare, non solo da un punto di vista individuale ma anche per la mia squadra, che oggi è al primo posto nella Western Conference. Si è detto spesso che i miei successi fossero legati al fatto di giocare a Est. ‘Chissà se sarebbe capace di fare lo stesso a Ovest’. Le ho sentite tutte queste voci. E così aver trascinato la mia squadra in testa alla Western Conference mi rende orgoglioso”. Un record di 49 vittorie e 14 sconfitte, un distacco di 5.5 gare sulla prima inseguitrice a Ovest, quei Clippers battuti l’8 marzo due giorni dopo aver sconfitto anche i Bucks, l’unica squadra — non a caso quella di Antetokounmpo — con un record migliore dei Lakers. “In quelle due gare LeBron ha marcato Leonard e Antetokounmpo — ricorda il suo allenatore, Frank Vogel — e in entrambe le situazioni ha fatto benissimo. Quel che ha fatto difensivamente, combinato al suo dominio offensivo, è ciò che ci ha permesso di vincere”. Per questo — dice Vogel — “credo davvero che l’MVP quest'anno sia lui, perché nessuno impatta di più sulle chance di vittoria della propria squadra. Abbiamo il miglior record a Ovest e la terza miglior difesa NBA, e questo lo dobbiamo al suo rinnovato impegno”.

Cifre da MVP alla 17^ stagione: nessuno come LBJ

Un impegno che arriva da un giocatore di 35 anni, alla sua 17^ stagione NBA, particolare tutt’altro che trascurabile. Anzi. Se si analizzano storicamente i numeri di quest’anno di LeBron James, si scopre che solo Kobe Bryant (27.3 punti a sera contro i 25.7 di “King” James) è stato capace di segnare di più nell’annata n°17 di una qualsiasi carriera NBA, mentre James è al primo posto per assist (10.6, peraltro miglior dato stagionale) e per triple segnate in media a gara (2.2) ma anche quinto per liberi realizzati (4.0) e recuperi (1.2) e nono per rimbalzi. Alla luce di questi dati — comparati appunti con le diciassettesime stagioni di ogni altro giocatore della storia NBA — la grandezza del campionato disputato da LeBron emerge ancora di più, così come colpisce il trend in ascesa del suo rendimento: nelle 9 gare dopo l’All-Star break, infatti, il n°23 gialloviola ha viaggiato a 30.0 punti di media con il 55.1% al tiro (sotto il 49% in precedenza), condendo il tutto con 9.4 assist e 8.2 rimbalzi a sera. Quattro premi di MVP già in bacheca (come Wilt Chamberlain), un quinto gli permetterebbe di raggiungere Michael Jordan e Bill Russell, con solo Kareem Abdul-Jabbar (6) ancora davanti. Proprio quel Jabbar capace di restare in campo fino ai 40 anni: LeBron ne ha 35, e nessuno mai dopo i 30 anni è riuscito a chiudere una stagione sopra i 25 punti e 10 assist di media. L’ennesima impresa. Da MVP.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche