Please select your default edition
Your default site has been set

NBA: Doc Rivers è il nuovo allenatore dei Philadelphia 76ers, contratto di 5 anni

mercato nba
©Getty
doc_rivers_embiid

Un accordo di cinque anni per l’ex coach dei Clippers, rimasto senza una panchina soltanto per tre giorni: “Benvenuto nella città dell’Amore Fraterno”, lo accoglie sui social Joel Embiid, uno dei tanti talenti a disposizione di Rivers che dovrà cercare il modo di rendere i 76ers finalmente competitivi anche ad alto livello

È durata soltanto pochi giorni la lontananza dell’ex allenatore dei Clippers da una panchina NBA. A Philadelphia infatti ci hanno messo davvero poco per convincere Doc Rivers ad accettare l’incarico ai 76ers: dopo 72 ore da “disoccupato”, il coach torna dunque a guidare una squadra dell’Atlantic Division, diventando così uno dei principali avversari dei Boston Celtics - la franchigia con cui ha vinto il suo unico titolo NBA nel 2008. Il GM dei 76ers Elton Brand ha avviato i contatti con l’agente di Rivers già da lunedì, convincendolo a partire per Philadelphia 48 ore dopo per discutere di un possibile accordo: un incontro a cui hanno partecipato anche i proprietari Josh Harris e David Blitzer che hanno messo sul tavolo un contratto da 5 anni che Rivers ha subito accettato. L’ex coach di L.A. sbaraglia così la concorrenza di Mike D’Antoni - l’allenatore con cui i 76ers erano a lavoro da un paio di settimane - affascinato da un sfida come quella di guidare un’altra squadra dalla grande storia e dall’enorme fascino, a cui manca un titolo NBA dal 1983.

leggi anche

Doc Rivers non è più l’allenatore dei Clippers

Un arrivo accolto in maniera festante via social da Joel Embiid: “Benvenuto nella città dell’Amore Fraterno Doc Rivers, sono felice ed eccitato per il futuro e per ciò che potremo costruire insieme qui a Philadelphia”, sottolinea uno degli All-Star a disposizione dell’allenatore e uno dei principali grattacapi assieme a Ben Simmons - due talenti assoluti che Rivers dovrà trovare il modo di far convivere insieme (missione in cui Brett Brown è fallito negli anni passati). Per riuscirci l’ex allenatore Clippers potrebbe chiedere l’aiuto di un assistente dalla grande esperienza come Alvin Gentry, allontanato da poco dalla panchina dei New Orleans Pelicans e disposto a tornare a sedersi un passo indietro a bordocampo dopo cinque anni da head coach. Rivers aveva ancora due anni di contratto con i Clippers a cui ha in parte rinunciato per tornare subito ad allenare: a 58 anni è ancora nel pieno di una carriera in cui siederà sulla quarta panchina NBA dopo Magic, Celtics e Clippers - sono 943 le vittorie raccolte, 11° allenatore di sempre per successi nella storia della lega e intenzionato ad allungare una serie di trionfi che i 76ers sperano possa portare fino al titolo NBA.