Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, i Toronto Raptors puniscono Pascal Siakam: tutta la partita seduto in panchina

PUNIZIONE

I Raptors hanno deciso di punire l’All-Star tenendolo seduto in panchina per tutta la gara contro i New York Knicks. Siakam era rientrato negli spogliatoi nella sconfitta contro Philadelphia dopo aver commesso il suo sesto fallo, senza fermarsi in panchina con i compagni. Un gesto che non è piaciuto a coach Nurse, che pur senza discutere pubblicamente di quanto successo ha deciso di punire il suo lungo

Dopo tre sconfitte consecutive per aprire la stagione, i Toronto Raptors avevano assolutamente bisogno di una vittoria contro i New York Knicks. Eppure ci sono cose più importanti di una successo in più o in meno, e una squadra che vuole stabilire una cultura deve anche prendere decisioni difficili — come quella di tenere in panchina per 48 minuti il proprio All-Star. È quello che ha deciso di fare coach Nick Nurse, che ha “panchinato” Pascal Siakam nella partita contro i Knicks, poi vinta 100-83 grazie ai 25 punti di Fred VanVleet e i 20 di Kyle Lowry. Secondo quanto riportato da ESPN, la punizione è scaturita dal comportamento tenuto da Siakam nella sconfitta contro Philadelphia: dopo aver commesso il suo sesto fallo a 25.6 secondi dalla fine, il lungo era tornato direttamente negli spogliatoi senza fermarsi in panchina con i compagni. Il camerunense non è stato multato, ma coach Nurse ha comunque deciso di non far passare sotto traccia quanto successo: “È stata una decisione disciplinare su una questione interna” ha detto dopo la partita. “C’è un certo modo in cui vogliamo fare le cose e tutti ne devono far parte. Non c’è molto altro da aggiungere”.

Le difficoltà di Siakam e le parole di VanVleet e Powell

approfondimento

Wall torna e Houston vince, primo ko per Orlando

Può essere che l’uscita dal campo di Siakam contro i Sixers fosse solo l’ultima goccia di un vaso già colmo da tempo, un gesto di frustrazione per un inizio di stagione decisamente sottotono. L’All-Star è reduce da una brutta esperienza nella bolla di Orlando dove non è stato né produttivo né efficace, e nelle prime tre gare della stagione ha tirato sotto il 40% dal campo, andando pochissimo in lunetta e con 3.7 palle perse a partita. I suoi compagni di squadra, però, non hanno intenzione di fargli pesare nulla: “Quello che è successo non rimarrà ad aleggiare qui intorno, è già acqua passata” ha detto VanVleet. “Pascal è stato grande, l’ha gestita molto bene e ci ha dato grande energia dalla panchina anche senza giocare. Non vediamo l’ora di riaverlo con noi in campo”. Norman Powell, che ne ha preso il posto in quintetto segnando 17 punti, è stato ancora più diretto: “Tutto quello che facciamo come squadra viene gestito internamente. Sappiamo cosa è successo e perché, ma non insisteremo a parlarne. Chiunque giochi deve andare in campo eseguendo il piano partita e facendo tutto quello che serve per portare a casa la vittoria. E quando Pascal tornerà, dobbiamo mantenere la stessa energia anche per le partite a venire”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche