Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Steph Curry svela il segreto del titolo 2015: "Una telefonata di Tiger Woods"

NBA
©Getty

L'arma segreta degli Warriors nella corsa al titolo 2015? L'inserimento in quintetto di Andre Iguodala al posto di Andrew Bogut prima di gara-4 delle finali NBA, con Golden State sotto 1-2 contro LeBron James e i suoi Cavs. Ora però Steph Curry rivela un altro momento determinante in un'altra rimonta, quella al secondo turno contro Memphis: "Le sue parole mi hanno acceso un fuoco dentro"

Fino a oggi la “narrative” attorno al primo titolo dei Golden State Warriors in epoca contemporanea — quello del 2015, alla prima di cinque finali consecutive — aveva sempre raccontato al mondo come decisiva la tavolata al Lola Bistrot di Cleveland attorno alla quale Steve Kerr e i suoi tre assistenti Luke Walton, Chris DeMarco e Nick U’Ren (poi divenuto l’uomo del momento) erano giunti alla decisione di sostituire Andrew Bogut in quintetto con Andre Iguodala — poi votato MVP di quelle finali, disputate da titolare solo da gara-4 in poi. Adesso però le cose potrebbero cambiare, dopo che Steph Curry ha rivelato durante la sua partecipazione a un podcast un altro fattore fondamentale in quella rimonta (gli Warriors erano sotto 1-2 dopo le prime tre gare contro LeBron James e i Cavs): una telefonata di Tiger Woods. “Dopo l’allenamento tra gara-3 e gara-4 il nostro capo PR, Raymond Ridder, mi prende da parte e mi dice di rispondere se dovessi vedere una chiamata sul mio cellulare arrivare da un numero sconosciuto con il prefisso geografico della Florida. Un’ora dopo, infatti, ricevo la chiamata: ed è Tiger Woods”, ha raccontato Curry. “E le sue parole sono state fondamentali per la nostra rimonta. Ricordo di avergli detto che ero pronto, che ero fiducioso che ce l’avremmo fata. E lui di rimando: ‘Allora dimostralo’. E mi ha attaccato la cornetta in faccia. Così facendo ha acceso un fuoco dentro di me che mi ha spinto a fare ancora meglio”.

VIDEO

Steph scatenato anche nella notte: 40 punti e 10 triple contro Orlando

Come confermato dalle cifre, che nelle tre gare restanti della serie (vinte tutte in doppia cifra, per il 4-2 finale a favore di Golden State) ha segnato 27.7 punti tirando il 51.4% dall’arco e condendo il tutto con 7 rimbalzi, 6.7 assist e 2.7 recuperi di media. “Per me Tiger è nel pantheon dei campioni sportivi che ammiro e ascolto di più, come faccio con gente del calibro di Ray Allen, Reggie Miller e Steve Nash”, ha concluso Curry. Tra campioni ci si intende.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche