Please select your default edition
Your default site has been set

Italbasket a Tokyo, Nico Mannion in lacrime: "Non riesco a smettere di piangere". VIDEO

social
©Getty

La point guard scelta dagli Warriors al Draft 2020 è stata fondamentale nel cammino degli Azzurri nel Preolimpico, autore di 24 punti contro la Serbia e di tante giocate decisive: "Siamo come una famiglia, abbiamo fame di vincere e non vogliamo fermarci qui. Sono super entusiasta per quello che abbiamo fatto, adesso dobbiamo farci trovare pronti per Tokyo", ha detto subito dopo il ritorno in Italia. E anche Golden State fa i complimenti a lui e alla Nazionale di coach Sacchetti

ITALIA-SERBIA 102-95: GLI HIGHLIGHTS

Ci sono serate diverse dalle altre, notti magiche che riportano indietro la mente di 17 anni e permettono di sognare un girone alle Olimpiadi e un viaggio in Giappone difficile da immaginare. Nico Mannion, per ragioni anagrafiche, non ricorda la cavalcata dell’Italbasket che ad Atene 2004 riuscì a conquistare un argento storico, ma ha fatto di tutto per riportare gli azzurri a giocarsi una medaglia olimpica. I suoi 24 punti sono stati fondamentali a Belgrado contro la Serbia per chiudere i conti e trascinare i compagni verso un’avventura ancora tutta da scrivere: “Non riesco a smettere di piangere - spiega Mannion a fine gara - è un’emozione straordinaria che non riesco a spiegare. A vent’anni, avere un’opportunità così, con questo gruppo e con questo grande staff… ci siamo aiutati l’uno con l’altro, abbiamo lavorato duro tutti insieme e in campo abbiamo raccolto i frutti. Avevamo l’opportunità di fare qualcosa di grande, di rappresentare al meglio il nostro Paese. Come festeggerò? A casa a mangiare, magari con i miei genitori che sono venuti qui a tifare per me. Siamo qui di passaggio, la nostra destinazione ora è Tokyo!”. E le congratulazioni più belle arrivano da oltreoceano, con Golden State che ha sottolineato come Mannion abbia “guidato da leader l’Italbasket con i suoi 24 punti”. Merito del lavoro e della crescita in questo primo anno in NBA: un piccolo passo iniziale, una storia in cui la point guard di Golden State spera di scrivere tanti altri capitoli importanti.

Mannion a Sky: "Abbiamo fame di vincere"

il coach

Sacchetti: "Qualificazione è merito di mia moglie"

Il giorno seguente al successo di Belgrado, Mannion ha rilasciato un'intervista a Sky Sport, subito dopo l'atterraggio all'aeroporto di Malpensa insieme a tutta la Nazionale azzurra: "Ringrazio i miei familiari per questo traguardo, mio padre è stato un grande giocatore e io ho imparato molto da lui. I miei genitori sono addirittura venuti in Serbia per vedermi giocare, sono orgoglioso di loro: se sono diventato così, il merito è loro". Mannion è stato il protagonista della vittoria dell'Italia contro la Serbia, eppure l'azzurro preferisce parlare di vittoria di tutta la squadra: "Questo successo non è solo mio. È una vittoria di tutta la squadra. Abbiamo giocato tutti bene. Siamo come una famiglia, siamo stati per tre settimane tutti insieme. Abbiamo fame di vincere e non vogliamo fermarci qui. Non sono qui per giocare soltanto tre partite. Sono super entusiasta per quello che abbiamo fatto, adesso dobbiamo farci trovare pronti per Tokyo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche