Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Bagley: guerra aperta contro Walton e i Kings: si rifiuta di entrare in campo. VIDEO

NBA
©Getty

Dopo le parole di fuoco dell'agente del giocatore verso il front office dei Kings, nella penultima gara (contro Phoenix) l'ex scelta n°2 al Draft ha rifiutato l'invito di coach Walton a entrare in campo. Un campo che Bagley quest'anno ha calcato per soli 10 minuti, incassando poi 11 DNP-CD. Che evidentemente ha accettato poco volentieri 

Scuote la testa una prima volta, si tocca la mascherina che quasi nasconde il suo viso, scuote la testa una seconda volta: e poi si riaccomoda in panchina, non prima di aver scambiato due parole con Doug Christie, uno degli assistenti allenatori di Luke Walton sulla panchina di Sacramento. Il protagonista della scenetta è Marvin Bagley, e il suo rifiuto di entrare in campo - fanno sapere dalla California - è l'ultimo atto di una guerra in corso tra il giocatore (e il suo agente) e i Sacramento Kings, colpevoli di aver rifiutato di scambiare il giocatore nonostante diverse offerte durante l'estate, tenendolo ostaggio di una situazione all'interno della quale l'ex n°2 al Draft 2018 continua a non trovare spazio. Fin qui la miseria di 10 minuti in tutto, nella seconda gara stagionale, contro Utah. Poi una serie quasi interminabile di DNP-CD, quando cioè il giocatore non entra in campo "per scelta tecnica". Che "tecnica" nel suo caso è solo in parte, perché ovviamente ora è in corso un autentico braccio di ferro tra giocatore e società, scontro che nella penultima partita disputata dai Kings, in casa contro Phoenix, è esplosa nel plateale rifiuto di Bagley di entrare in campo di fronte alla esplicita richiesta del suo capo allenatore, Luke Walton. 

Le parole di coach Walton: "Io e Marvin comunichiamo regolarmente"

leggi anche

Sacramento lascia fuori Bagley, l'agente s'infuria

Che incalzato su quanto successo, si è rifiutato di affrontare apertamente con la stampa locale l'argomento: "Quello che succede all'interno del nostro gruppo deve restare all'interno del gruppo. Io e Marvin comunichiamo costantemente, ma lui - come qualsiasi altro giocatore - sa benissimo che abbiamo bisogno di tutti, e tutti devono farsi trovare pronti in ogni momento". Dichiarazioni di circostanza che però non risolvono quello che ormai, in seno ai Kings, è a tutti gli effetti un caso, dopo le parole dell'agente del giocatore, Jeff Schwartz, molto critiche nei confronti del front office di Sacramento. Una trade potrebbe a questo punto essere imminente, ma i Kings prima vogliono un'offerta adeguata in cambio. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche