Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, l'aneddoto segreto di Jeanie Buss: "Magic non voleva giocare ai Lakers"

NBA
©Getty

La figlia del grande "Dr. Jerry", oggi al vertice della franchigia gialloviola, racconta un episodio divertente della prima visita di Magic a casa Buss. Quando la primissima scelta assoluta al Draft 1979 ha spaventato a morte l'allora giovanissima figlia del proprietario gialloviola

Anno 1979,  a Los Angeles arriva un rookie attesissimo, la prima scelta assoluta al Draft: viene da East Lansing (Michigan), ha appena vinto il titolo NCAA con i suoi Michigan State Spartans ed è conosciuto più con il suo soprannome (Magic) che col nome di battesimo (Earvin). Magic Johnson è il giovane fenomeno su cui il proprietario dei Lakers, Jerry Buss, punta forte per tornare a vincere, visto che un titolo in città manca dal 1972. Oggi Jerry Buss non c'è più ma sua figlia, Jeanie, ne ha raccolto l'eredità alla guida dei gialloviola e in una recente intervista al Beverly Hills Courier ha svelato un aneddoto davvero divertente dei primi giorni di Magic Johnson come giocatore dei Los Angeles Lakers. In visita a casa Buss, per conoscere "Dr. Jerry", la giovane matricola suona alla porta di casa e trova ad accoglierlo proprio la giovane figlia, Jeanie, che in attesa che il padre, impegnato, si liberi per venire a incontrare Magic, lo intrattiene con alcune chiacchiere di circostanza. "Sono felicissimo di essere stato scelto dai Lakers - le confessa l'ex Spartans - ma firmerò solo per tre anni perché appena possibile voglio andare a giocare per la mia squadra di casa, i Detroit Pistons [in Michigan]". 

NBA su Sky

Su Sky e on demand lo speciale "Magic, 30 anni dopo"

La giovane Buss - racconta oggi - rimase di sasso e corse a chiamare il padre. "Non crederai a quello che mi ha appena detto: vuole restare qui da noi solo tre anni". Glaciale la replica del proprietario gialloviola: "Jeanie, lascia che indossi la maglia dei Lakers e scenda in campo al Forum e vedrai che non se ne vorrà più andare". Jerry West aveva ragione: "Oggi se volesse potrebbe essere il sindaco di L.A.", conclude oggi Jeanie dell'uomo che da allora è diventato il simbolo dello "Showtime" dei Lakers degli anni '80, dopo averli guidati a 5 anelli NBA

Jeanie Buss con i "suoi" Lakers in copertina sul Beverly Hills Courier, sezione Style

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche